Surplus commerciale di 6,9 miliardi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Surplus commerciale di 6,9 miliardi

surplusRispetto al mese precedente, a luglio 2014 si rileva una diminuzione tanto delle esportazioni (-1,6%) quanto delle importazioni (-2,5%).
La diminuzione congiunturale dell’export è determinata principalmente dalla contrazione delle vendite verso i mercati Ue (-2,7%), cui si associa una contenuta flessione di quelle verso i paesi extra Ue (-0,3%). Il calo delle vendite all’estero è comune a tutti i principali raggruppamenti, ma è particolarmente intenso per i prodotti energetici (-6,7%).
La flessione congiunturale degli acquisti dall’estero riguarda entrambe le aree con analoga intensità: -2,6% per i paesi extra Ue e -2,5% per quelli Ue. La diminuzione è estesa a tutti i principali raggruppamenti di beni, a eccezione dei prodotti energetici (+0,3%).
Nel trimestre maggio-luglio 2014, la positiva dinamica congiunturale delle esportazioni (+0,7%) è determinata dall’area extra Ue (+1,7%) mentre le vendite verso l’area Ue risultano stazionarie. In espansione le vendite di beni di consumo non durevoli (+1,6%), strumentali (+0,7%) e prodotti intermedi (+0,6%). L’aumento dell’import (+2,5%) riguarda sia l’area Ue (+2,6%) sia l’area extra Ue (+2,5%).
A luglio 2014, la crescita tendenziale dell’export (+1,1%) è la sintesi dell’incremento delle vendite verso l’area Ue (+2,5%) e della diminuzione di quelle verso l’area extra Ue (-0,5%). Nello stesso periodo, la diminuzione tendenziale delle importazioni (-1,4%) riguarda soltanto l’area extra Ue (-5,6%) mentre per l’area Ue si registra un incremento del 2,2%.
A luglio 2014 il saldo commerciale è positivo (+6,9 miliardi) in ampliamento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (+6,0 miliardi). Si registra un avanzo sia con i paesi extra Ue (+3,5 miliardi) sia con quelli Ue (+3,3 miliardi). La bilancia commerciale al netto dei prodotti energetici è attiva per 10,9 miliardi.
Stati Uniti (+18,4%), Repubblica ceca (+16,4%) e Spagna (+10,8%) sono i mercati più dinamici all’export.
Risultano in rilevante espansione le vendite di autoveicoli (+12,6%) e di prodotti alimentari, bevande e tabacco (+5,9%). Alcuni dei prodotti tradizionali del Made in Italy (tessili, abbigliamento e mobili) sono in forte crescita (oltre il 5%).
Gli acquisti da paesi OPEC (-30,2%) e Russia (-27,2%) sono in marcata diminuzione. Le importazioni di gas naturale (-30,4%) e di prodotti petroliferi raffinati (-23,8%) registrano una rilevante flessione.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Iran: «I Paesi europei salvino l’accordo sul nucleare»

«L’Iran chiede ai Paesi europei di fare sforzi più seri e solleciti per mettere in atto iniziative economiche che permettano di salvare l’accordo sul nucleare».…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, attacco a polizia è stato un atto terroristico

Il numero due della polizia di Barcellona ha reso noto che l’attacco di questa mattina alla stazione di polizia catalana, è stato un atto terroristico.…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan: «Liberi 149 ostaggi. Uccisi sette terroristi talebani»

Il portavoce del ministero dell’Interno afghano ha reso noto che le forze governative afgane hanno liberato le 149 persone che erano state rapite nel corso…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: «Al lavoro per trovare una soluzione sulla nave Diciotti»

«Non commentiamo le parole di Salvini che dice di voler riportare i migranti in Libia se l’Ue non troverà una soluzione. Ma sul caso della…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia