I raid Usa contro lo Stato islamico in Siria | T-Mag | il magazine di Tecnè

I raid Usa contro lo Stato islamico in Siria

di Mirko Spadoni

news obama rally folrida 051112Gli Stati Uniti hanno attaccato lo Stato islamico laddove si sentiva più sicuro: in Siria. Lo hanno fatto anche grazie al sostegno di cinque Paesi arabi (Bahrain, Giordania, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti). “Una coalizione forte per far capire al mondo che non si tratta di una guerra che riguarda solo l’America”, ha osservato il presidente statunitense Barack Obama poche ore dopo la fine dei primi raid. Nel corso delle operazioni, iniziate alle 2 e 30 italiane, sono stati impiegati caccia (perlopiù F-16 di fabbricazione statunitense), bombardieri e missili Tomahawk, lanciati dalla USS Arleigh Burke e dalla USS Philippine Sea presenti nel Mar Rosso e nel Golfo Persico. Secondo l’Osservatorio siriano dei diritti umani, i jihadisti uccisi sono stati 120. Mentre sono state distrutte – o seriamente danneggiate – quattordici postazioni dello Stato islamico (campi d’addestramento, centri logistici per il rifornimento dei miliziani e depositi d’armi e munizioni), che tuttavia non è stato l’unico obiettivo dei raid. Nel corso degli attacchi sono state colpite anche otto postazioni di Khorasan, un gruppo jihadista guidato da un terrorista vicino al nucleo pakistano di al Qaeda, Muhsin al-Fadhli, e sospettato di preparare attentati contro “gli interessi statunitensi ed europei, anche reclutando cittadini occidentali”. Una minaccia troppo grande per Washington, che servendosi di alcuni droni aveva perlustrato a lungo nelle ultime due settimane la provincia di Raqqa, roccaforte dello Stato islamico. Attività di monitoraggio a cui avrebbero fatto seguito i raid di martedì, condotti dopo aver avvisato il governo siriano che si è poi detto pronto a fornire il proprio aiuto “per combattere il terrorismo”: “L’America – ha riferito Damasco, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa ufficiale Sana – ha informato il rappresentante permanente alle Nazioni Unite a New York che ci sarebbero stati attacchi contro lo Stato islamico a Raqqa”. Attacchi a cui il gruppo, guidato dall’autoproclamatosi califfo Abu Bakr al Baghdadi, vuole replicare quanto prima. Magari colpendo quei Paesi come l’Arabia Saudita, “colpevoli” di aver appoggiato l’iniziativa statunitense a cui non hanno invece preso parte gli alleati occidentali come la Francia, che solo qualche giorno prima aveva attaccato lo Stato islamico in Iraq, e la Gran Bretagna. Pur giudicando lo Stato islamico “una minaccia per la sicurezza internazionale”, Londra non infatti ha partecipato ai raid di martedì. Ma non è detto che possa accadere in futuro anche grazie al sostegno dell’opinione pubblica. Il 52% dei cittadini britannici si è infatti detto favorevole ad un’eventuale coinvolgimento della RAF nelle operazioni contro l’IS sul suolo siriano, secondo un sondaggio condotto da YouGov (Support Grows for RAF Air Strikes, even into Syria). Quelli contrari sono il 27% (in calo del 10% rispetto a quanto rilevato ad agosto).

segui @SpadoniMirko

 

Scrivi una replica

News

Alimentare, cresce il “Made in Italy”

Secondo l’analisi del Centro Studi CoMar, «le società italiane del settore alimentare-bevande sono, sempre più, un punto di forza dell’economia Italiana: sono 227 le aziende…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Stipendio medio cala a 13,9 euro all’ora»

«La retribuzione oraria media delle posizioni lavorative riferite ai dipendenti del settore privato (misurata dal registro statistico RACLI) è stata di 13,80 euro nel 2014,…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «Reddito e pensioni restano»

«Reddito di cittadinanza e pensioni restano ma le misure tecnicamente richiederanno qualche mese per essere realizzate. La manovra non verrà rivoluzionata. La manovra non verà…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Ue: «Contrari alla riapertura dei negoziati»

«Ci sono stati lunghi negoziati per questa intesa sulla Brexit, sulle possibili relazioni future, e sulla questione dei confini irlandesi. Quella sul tavolo è la…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia