In lieve aumento la fiducia dei consumatori | T-Mag | il magazine di Tecnè

In lieve aumento la fiducia dei consumatori

consumatori_fiduciaA settembre 2014 l’indice del clima di fiducia dei consumatori in base 2005=100 aumenta lievemente a 102,0 da 101,9 del mese di agosto. La componente personale aumenta passando a 101,5 da 100,1, mentre quella economica registra una diminuzione a 105,6 da 107,5.
L’indice riferito al clima corrente cresce a 102,6 da 101,5, mentre quello del clima futuro diminuisce a 102,7 da 103,3.
Riguardo alla situazione economica del Paese, diminuiscono i pareri favorevoli sia per i giudizi che per le aspettative: a -99 da -92 e a -8 da -7 i rispettivi saldi. Quanto alla tendenza della disoccupazione, i giudizi rispetto al mese precedente rimangono inalterati (a 56 il saldo).
Il saldo relativo ai giudizi sulla situazione economica della famiglia diminuisce a -56 da -55, mentre per le attese non si modificano i pareri formulati rispetto al mese passato e il saldo resta a -13. Il saldo dei giudizi sul bilancio familiare diminuisce a -14 da -12. Le opinioni favorevoli sull’opportunità attuale di risparmio registrano una diminuzione (a 114 da 116 il saldo); anche per le possibilità future si rileva un lieve peggioramento (a -47 da -45 il saldo). Le valutazioni sull’opportunità di acquisto di beni durevoli risultano invece in netto miglioramento (a -69 da -90 il saldo).
I saldi dei giudizi e delle aspettative riguardanti gli aumenti dei prezzi al consumo diminuiscono, rispettivamente, a -16 da 1 e a -32 da -21.
A livello territoriale il clima di fiducia aumenta nel Nord-est mentre, diminuisce in tutte le altre ripartizioni.

Il quadro economico generale
I giudizi dei consumatori sulla situazione economica del Paese peggiorano sensibilmente (il saldo passa a -99 da -92 del mese precedente). Aumenta, infatti, la percentuale di coloro che giudicano la situazione economica “peggiorata” (al 28,0% dal 25,7%) e “molto peggiorata” (al 35,8% dal 34,2%) e diminuisce la quota di coloro che la valutano “migliorata” (al 5,3% dall’ 8,1% del mese passato). Anche per le attese si rileva un leggero calo dei pareri positivi (il saldo passa a -8 da -7). Il saldo che esprime le attese di disoccupazione risulta sostanzialmente stabile a 56.
Il saldo dei giudizi sulla dinamica dei prezzi al consumo negli ultimi 12 mesi diminuisce sensibilmente a -16 da 1 del mese precedente. Quanto alle attese aumenta la quota di coloro che si aspettano diminuzioni: Il saldo passa a -32 da -21.

La situazione personale
I giudizi sulla situazione economica della famiglia peggiorano lievemente, il saldo passa a -56 da -55 di agosto. Quanto alle attese future non mutano i pareri degli intervistati rispetto al precedente mese e il saldo resta a -13. I giudizi sul bilancio familiare peggiorano e il saldo passa a -14 da -12 per effetto della diminuzione della quota di coloro che “risparmiano abbastanza” (all’1,7% dal 2,7%) e dell’aumento della quota di coloro che “usano i propri risparmi” (al 23,4% dal 22,8%).
Il saldo relativo ai giudizi sull’opportunità attuale di risparmio scende a 114 da 116. Tale risultato è dovuto alla diminuzione della quota di coloro che ritengono “probabilmente opportuno” effettuare risparmi (al 25,5% dal 27,8%). Le attese sulle possibilità future diminuiscono: il saldo risulta pari a -47 da -45 di agosto. Per quanto riguarda l’opportunità di acquisto di beni durevoli migliorano i giudizi sulla convenienza all’acquisto immediato (a -69 da -90 il saldo) e i pareri riferiti alle intenzioni future di acquisto (a -88 da -101 il saldo).

Il dettaglio territoriale
A livello territoriale il clima di fiducia aumenta nel Nord-est mentre, diminuisce in tutte le altre ripartizioni.
Nord-ovest: il clima di fiducia diminuisce a 103,4 da 103,9 di agosto. La componente economica diminuisce a 108,1 da 109,4, mentre quella personale aumenta leggermente a 102,6 da 102,0. Il clima corrente aumenta a 104,3 da 104,1, il clima futuro diminuisce a 103,8 da 105,0.
Nord-est: il clima di fiducia aumenta a 104,8 da 101,7. Tutte la componenti aumentano: quella economica a 110,1 da 107,7, quella personale a 103,9 da 100,4, quella corrente a 106,5 da 102,9 e quella futura a 104,4 da 101,5.
Centro: il clima di fiducia scende a 100,3 da 101,2. Tutte le componenti sono in diminuzione: economica a 105,4 da 106,3, personale a 99,1 da 99,4, corrente a 100,5 da 100,6 e futura a 101,2 da 102,9.
Mezzogiorno: Il clima di fiducia diminuisce a 100,1 da 100,8. La componente economica diminuisce a 101,8 da 107,2, quella personale aumenta a 100,6 da 98,7, quella corrente cresce a 100,0 da 98,9 e quella futura diminuisce a 102,0 da 103,9.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Bruxelles: «Londra deve chiarire le proprie intenzioni»

«Continuiamo a seguire molto da vicino il dibattito parlamentare nel Regno Unito». Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas, intervenendo dopo l’intervento…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’antisemitismo preoccupa il 58% degli italiani

Il 58% degli italiani si dice preoccupato dall’antisemitismo. Lo rivela l’ultimo Eurobarometro presentato oggi, martedì 22 gennaio 2019, dalla Commissione europea al al museo ebraico…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Savona: «Parlare di manovra correttiva è una malattia mentale»

«Torna una fissazione, quella che io considero una malattia mentale e cioè che occorra fare una manovra correttiva». Lo ha detto il ministro degli Affari…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «In calo i prestiti alle imprese»

«La domanda di prestiti da parte delle imprese registrerebbe una lieve contrazione nel primo trimestre del 2019 mentre quella da parte delle famiglie continuerebbe a…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia