Disoccupazione ai livelli pre-crisi? Difficile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Disoccupazione ai livelli pre-crisi? Difficile

disoccupazione_giovani_lavoroL’unico modo per riportare il tasso di disoccupazione intorno al 7%, quindi vicino ai livelli pre-crisi, sarebbe quello di creare quasi due milioni di posti di lavoro entro il 2020. Un’impresa che il Cnel nel suo Rapporto sul Lavoro indica come impossibile.
Secondo il Consiglio nazionale dell’Economia e del Lavoro infatti dalla migliore delle ipotesi emerge uno scenario in cui il primo contesto congiunturale non sfavorevole potrebbe non mostrarsi prima dell’inizio del 2015. Ma nel complesso “le tendenze del mercato del lavoro italiano nel medio termine delineano esiti preoccupanti”. Secondo gli ipotetici scenari disegnati dal Cnel solo per frenare l’aumento del tasso di disoccupazione è necessario creare almeno 582 mila posti di lavoro entro il 2020, mentre per portare il dato al 10% l’incremento degli occupati deve essere di almeno 1,2 milioni di unità (circa una crescita del tasso occupazionale dello 0,7% annuo).
Oltre a rilevare un aumento della disoccupazione allargata (ovvero quella comprende disoccupati standard, inattivi disponibili e disoccupati parziali), al 30% nel 2013, il Cnel indica un aumento anche dei lavoratori a basso reddito.Una categoria che nel 2011 ha superato i due milioni e 640 mila di unità. L’11,7% degli occupati dipendenti guadagna infatti meno di 6,9 euro l’ora. La quota degli autonomi che rientrano nella soglia del basso reddito è pari al 15,9%, ovvero 756 mila lavoratori.
Nel complesso la media italiana dei lavoratori a basso reddito è inferiore a quella dell’Unione Europea, pari al 17%.
Allarmante anche il dato relativo al potere d’acquisto dei salari. Secondo lo studio infatti il dato è cresciuto nei primi anni della crisi ma è crollato negli anni successivi, riportandosi ai livelli di dieci anni fa. Si è registrato invece un calo del 6,7% tra il 2009 e il 2013 per l’intera massa salariale.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Tusk: «Uno scenario di non accordo è più probabile rispetto al passato»

Sulla Brexit «dobbiamo restare fiduciosi e determinati, poiché c’è volontà di continuare questi negoziati da entrambe le parti». Lo ha scritto il presidente del Consiglio…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Juncker: «Una deviazione dell’Italia sarebbe inaccettabile per altri Paesi»

«Se accettassimo il derapage» previsto dalla manovra rispetto alle regole europee «alcuni Paesi ci coprirebbero di ingiurie e invettive con l’accusa di essere troppo flessibili…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Serve una gestione condivisa per i migranti»

«Il Consiglio europeo arriva in un momento in cui i cittadini attendono dall’Ue risposte concrete. Le elezioni europee porteranno a una nuova Commissione: dovremo lavorare…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Bisogna ridurre il gap di crescita con l’Ue»

«È fondamentale per il nostro Paese ridurre il gap di crescita con l’Ue orientando la spesa verso equilibrio e stabilità». Così il primo ministro, Giuseppe…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia