Lavoro, un’Europa a diverse velocità | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro, un’Europa a diverse velocità

di Matteo Buttaroni

lavoro_disoccupazionePrendiamo per esempio l’Italia, la Germania e la Spagna. Paesi che presentano sul mercato del lavoro dati diametralmente opposti. La Germania è il Paese più virtuoso, l’Italia tra i più in difficoltà e la Spagna quello che, nonostante i ritardi accumulati negli anni passati, sta tuttavia facendo dei passi in avanti.
A novembre, mentre il tasso di disoccupazione italiano aumentava al 13,4% (contro il 12,7% del novembre 2013) segnando un nuovo record assoluto, quello dell’area dell’euro rimaneva stabile all’11,5% (ma in calo di 0,4% sul novembre 2013), mentre quello dell’Unione europea scendeva di 0,7 punti percentuali (dal 10,7% del novembre 2013 al 10% del 2014). Quello spagnolo, il più alto dell’eurozona dopo quello greco, si è attestato al 23,9%. La differenza con Madrid sta nel fatto che, mentre il dato italiano continua ad aumentare inesorabilmente, quello spagnolo diminuisce ancor più rapidamente. In particolare a novembre il tasso di disoccupazione spagnolo è sceso di circa due punti percentuali rispetto al 25,8% registrato lo stesso mese dell’anno precedente.
Dando un’occhiata alle serie storiche si nota come una discrepanza nei trend si registrò anche tra il 2012 e il 2013. Mentre a novembre 2013 il tasso di disoccupazione italiano registrò una crescita, aggiungendo un +1,3% al dato del novembre precedente, quello della Spagna scese, anche se solo di 0,1 punti percentuali.
Dinamiche diverse anche per quanto riguarda i tassi di disoccupazione giovanile. Se è vero che la Spagna detiene il triste primato di Paese con il più alto tasso di disoccupazione giovanile, il dato negli ultimi due anni è andato diminuendo (al contrario dell’Italia). A novembre 2013 il tasso si è infatti presentato in calo al 53,2% contro il 54,8 del 2013 e il 54,9% del 2012. In Italia si è invece passati dal 37,5% del novembre del 2012 al 43,9% delle ultime rilevazioni ISTAT, passando per il 41,6% del 2013. In calo anche nell’Eurozona e nell’Unione dei 28: nel primo caso si è passati dal 23,9% del novembre 2013 al 23,7% del 2014, nel secondo dal 23,2% al 21,9%.
Ma se la Spagna, nel corso del 2014, grazie ad un -5,39% ha registrato la più ampia diminuzione di disoccupati (-253.527 unità a 4,44 milioni), la Germania può vantare il più basso tasso di disoccupazione dell’intera area dell’euro (4,7%) e il più alto numero di occupati per l’ottavo anno consecutivo (42,5 milioni di persone). Non solo, anche il tasso di disoccupazione giovanile risulta tra i più bassi dell’area della moneta unica: 7,4% contro il 7,9% del 2013 e il 7,8% dell’anno precedente.

(Articolo pubblicato il 9 gennaio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Ue, Amsterdam avrà la nuova sede dell’Agenzia europea del farmaco

Amsterdam sarà la futura sede dell’Agenzia europea del farmaco (EMA). La capitale olandese è stata scelta tra una rosa di diverse candidate, tra cui Milano.…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Steinmeier: “Formare un governo al più presto”

“Tutte le controparti politiche elette al parlamento tedesco hanno l’obbligo e l’interesse comune di servire il paese”. Così il presidente della Repubblica federale tedesca, Frank-Walter…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Draghi: “L’espansione economica resta solida e ampia”

“L’espansione economica resta solida e ampia per quanto riguarda i settori e i Paesi della zona euro, sostenuta soprattutto dalla domanda interna”. Lo ha detto…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Calcio, Malagò: “Commissariare la Figc è l’unica soluzione”

“Unica soluzione, commissariare la Figc”. Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, intervenendo poco dopo le dimissioni dalla presidenza della FIGC presentate da…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia