E’ il manifatturiero a trainare l’export | T-Mag | il magazine di Tecnè

E’ il manifatturiero a trainare l’export

Con un valore di 75,4 miliardi di euro, le esportazioni delle piccole imprese vale il 26,7% dell’intero export manifatturiero
di Matteo Buttaroni

impresa manifatturieraGrazie alla vendita verso i Paesi esteri di prodotti in legno, ma anche grazie al comparto dell’abbigliamento, a quello dell’alimentare e a quello degli articoli in pelle, il manifatturiero italiano, in particolare quello delle piccole e micro imprese, sta crescendo sempre più.
Per “micro” e “piccole” imprese si intendono quelle aziende che contano, rispettivamente, meno di dieci e 50 addetti e hanno un fatturato annuo inferiore a due e dieci milioni di euro.
Nel corso dei primi nove mesi dell’anno il valore dell’export manifatturiero di questa tipologia di imprese è cresciuto del 3,3% rispetto allo scorso anno. Si parla dunque di 2,4 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2013. Cifra che porta il valore delle esportazioni di prodotti delle micro e piccole imprese italiane a 75,4 miliardi di euro.
L’Intera produzione manifatturiera italiana esportata all’estero, nel corso del 2014, ha raggiunto un valore pari a 282,5 miliardi di euro, riportando una crescita dell’1,7% rispetto all’anno precedente. Si nota dunque come il valore dei prodotti esportati dalle 243.218 piccole e micro imprese sia cresciuto quasi il doppio, andando a rappresentare il 26,7% del totale delle esportazioni manifatturiere.
In particolare la crescita maggiore è stata registrata dal settore dei prodotti in legno, che tra gennaio e settembre 2014 ha riportato un +4,8% nel valore delle esportazioni. Seguono, con incrementi simili, gli articoli in pelle, con un +4,4%; quelli di abbigliamento, +4,1%; e quelli alimentari, +3,2%.
Gran parte delle nostre esportazioni manifatturiere, in particolare il 54,9%, è destinato a raggiungere i mercati europei, dove si è registrato un incremento del 4,2%. Il Paese che ha più apprezzato i prodotti delle piccole e micro imprese italiane è stato la Spagna, che ha riportato una crescita de 7,2% rispetto ai primi nove mesi del 2013. Ottimi risultati anche in Polonia, dove è stato registrato un +6,3%; nei Paesi Bassi, +5,3%; e in Germania, +4,1%.
La nota dolente arriva dalle esportazioni verso Russia dove, a causa della crisi con l’Ucraina e delle sanzioni, arriva il 10,4% di prodotti in meno rispetto a un anno prima. Importanti, invece, gli aumenti, del 9% e del 6,9%, riscontrati dalle vendite verso Asia orientale e Stati Uniti.
Tra le regioni esportatrici il rapporto mette in evidenza il 5,5% messo a segno dalle imprese piemontesi. Notevole anche la crescita di quelle venete, +4,4%; di quelle friulane, +4%; e di quelle lombarde, +3,6%.
Alessandria è invece, grazie ad un +21,9%, la provincia che ha riportato la crescita di esportazioni maggiore. Segue, ben lontana, Como con un +13,3%. Belluno, con una crescita del 12,6%, ha registrato l terza crescita maggiore; mentre Firenze, con l’8,1% in più, la quarta.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia