La Bce di Draghi fa muro contro la crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

La Bce di Draghi fa muro contro la crisi

mario_draghiArriva il tanto atteso Quantitative Easing. Ad annunciarlo, come era nelle previsioni della vigilia, il presidente della Bce, Mario Draghi. Il piano prevede un programma di acquisto di titoli di Stato pari a 60 miliardi di euro al mese fino a settembre 2016 (per complessivi 1.080 miliardi) e in ogni caso, ha specificato Draghi in conferenza stampa a Francoforte, finché l’inflazione non avrà raggiunto livelli soddisfacenti (almeno poco sotto il 2%).
A spingere verso tale decisione, di cui peraltro si parlava ormai da diverse settimane, era stato lo spettro della deflazione così da scongiurare un prolungato livello dei prezzi in territorio negativo (causato, in particolare, dal crollo del prezzo del greggio). Ma c’è di più: la misura “non convenzionale” che la Bce adotta ha il fine di far ripartire l’economia, sulla scia dell’esempio statunitense della Fed. Rilanciare, detta altrimenti, l’industria e soprattutto, con il conseguente deprezzamento dell’euro, le imprese maggiormente orientate alle esportazioni.
Dunque a partire dal mese di marzo la Bce inizierà a comprare titoli, mentre è prevista la condivisione del rischio con le banche centrali dei paesi interessati per una quota pari al 20% del totale. Dunque la linea tedesca, con Berlino che confidava in una quota superiore (al 50%), è passata solo in parte. Inoltre la Bce potrà acquistare entro un tetto che non superi il 33% del debito di ciascun paese e per ogni emissione non potrà acquistare più del 25% dei titoli.

Le resistenze espresse nei giorni scorsi dagli scettici del Quantitative Easing riguardavano soprattutto la possibilità che una massiccia iniezione di liquidità possa allontanare, o ritardare per meglio dire, l’urgenza di quelle riforme strutturali che conducano le economie periferiche dell’Eurozona a livelli di competitività accettabili. Un discorso che potrebbe valere anche per Italia e Francia, che tanto hanno spronato Francoforte verso una soluzione di questo tipo nella convinzione che senza una politica monetaria espansiva l’Eurozona è destinata ad un prolungato periodo di stagnazione economica. Ma in questo senso Draghi è stato chiaro, sottolineando come le riforme strutturali debbano essere attuate “in modo credibile ed efficace” così da “incoraggiare le imprese ad aumentare gli investimenti da subito”.

Non sono mancate le premesse che, in qualche modo, hanno anticpato quanto annunciato giovedì 21 gennaio. Nei mesi precedenti, infatti, Francoforte aveva preparato il piatto attraverso politiche di riduzione dei tassi di interesse e deprezzamento dell’euro e ad acquistare obbligazioni bancarie garantite (covered bond), quasi ad anticipare una parte degli effetti attesi del QE. Inoltre, considerato lo scenario che si andava delineando, la scorsa settimana la Banca nazionale svizzera decideva di abbandonare la soglia minima di cambio con la moneta unica. Dopo il discorso di Draghi, l’euro è sceso ai minimi da 11 anni sul dollaro. La moneta europea passa di mano a 1,1456 dollari, dopo un minimo di 1,1440 dollari.

F. G.

 

Scrivi una replica

News

Alitalia, Gubitosi: “La compagnia ha tanti soldi in cassa”

Alitalia “ha tanti soldi in cassa”. Lo ha detto il commissario straordinario della compagnia, Luigi Gubitosi, replicando alle domande dei parlamentari nel corso di un’audizione…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Ue: “Non annacquare le sue disposizioni principali”

“Riconosciamo che l’Italia ha fatto molti sforzi di recente per la competitività e la crescita”, ma “è cruciale” che adotti la manovra 2108 “senza annacquare…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, bocciati tutti i ricorsi presentati dalla Regione Veneto

Tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini non sono fondate. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale. I giudici hanno spiegato…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ratko Mladic condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità

Ratko Mladic – ex comandante dell’esercito serbo bosniaco – è stato condannato all’ergastolo dal Tribunale penale internazionale dell’Aja. È stato riconosciuto colpevole di genocidio e…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia