L’identikit del prossimo capo dello Stato | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’identikit del prossimo capo dello Stato

Il 63% degli intervistati ritiene che il presidente della Repubblica dovrebbe essere eletto direttamente dai cittadini, mentre il 35% come oggi dal Parlamento e dai rappresentanti delle Regioni. Il sondaggio Tecnè/Porta a Porta

quirinaleUna percentuale importante tra gli intervistati – il 63% – ritiene che il presidente della Repubblica dovrebbe essere eletto direttamente dai cittadini, mentre il 35% è favorevole che siano, come oggi, Parlamento e rappresentanti delle Regioni a farlo (il 2% non sa). Tuttavia, per il 51% delle persone interpellate, il capo dello Stato deve continuare ad esercitare un ruolo di garanzia ed essere super partes, per il 47%, invece, deve avere maggiori poteri politici rispetto ad oggi (il 2% non sa). È quanto emerge dall’indagine Il prossimo presidente della Repubblica che Tecnè ha condotto per Porta a Porta di mercoledì 21 gennaio 2015.
Dopo le dimissioni di Giorgio Napolitano si è aperta la partita per il Colle. Se si guarda all’identikit del prossimo presidente della Repubblica, il 59% tra gli intervistati vede meglio al Quirinale una persona esperta, anche se anziana. Per il 53% deve essere un economista (37% indica invece un giurista); per il 52% deve avere un carattere calmo e riflessivo (per il 43% intraprendente); per il 45% è importante che abbia un’esperienza politica (per il 44% non è importante, per l’11% è indifferente); per il 41% è indifferente che sia un uomo o una donna (33% meglio una donna, 26% meglio un uomo).
Ma chi vorrebbero gli italiani alla presidenza della Repubblica? Il 15% risponde Mario Draghi (presidente della Bce), il 13% Emma Bonino, il 9% Anna Finocchiaro, il 7% Stefano Rodotà, il 6% Romano Prodi, stessa percentuale per Laura Boldrini (mentre il 25% indica altre personalità con percentuali inferiori al 5%; senza opinione il 19%).
Alla domanda “chi ha maggiori chance di essere eletto presidente”, gli intervistati hanno risposto in questo modo: Romano Prodi (15%); Mario Draghi (7%); Giuliano Amato (5%); Walter Veltroni (5%); Pietro Grasso (4%); Emma Bonino (4%).

Giudizi sul governo e intenzioni di voto
Agli intervistati è stato anche chiesto di esprimere un giudizio sul governo e sul presidente del Consiglio, Matteo Renzi. I pareri sul governo risultano molto o abbastanza positivi nel 29% dei casi, quelli su Renzi nel 40%. Molto o abbastanza negativi, per il governo, nel 68% delle risposte e per Renzi nel 56%. Senza opinioni rispettivamente il 3 e il 4%.

Se si votasse oggi si confermerebbe primo partito il Pd, al 35% in flessione di due punti sul mese di dicembre 2014. Crescerebbe il Movimento 5 Stelle, dal 18 al 20% mentre Forza Italia è stabile al 15%. Stabile anche la Lega Nord, al 13%. Ncd-Udc è al 4%, stessa percentuale per Sel, mentre Fratelli d’Italia si attesta al 3%.
La quota di quanti oggi non andrebbero a votare o sono incerti resta al 53%, la stessa cioè registrata nel mese di dicembre.

Il sondaggio è stato effettuato il 20 gennaio 2015. Numerosità pari a 1.000 casi con metodo 500 Cati + 500 Cawi su un campione rappresentativo della popolazione (>18 anni). Margine d’errore +/- 3% sui risultati a livello dell’intera popolazione. Committente: Porta a Porta.

Sfoglia l’indagine Tecnè/Porta a Porta in pdf

 

1 Commento per “L’identikit del prossimo capo dello Stato”

Scrivi una replica

News

Ue, Di Maio: «L’Italia non ratificherà il Ceta»

L’Italia non ratificherà il CETA, il trattato di libero scambio negoziato tra Canada e Unione europea. Così il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro,…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Regno Unito e Stati Uniti stringeranno un accordo di libero scambio»

Stati Uniti e Regno Unito creeranno un’area di libero scambio. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Donald J.Trump, intervenendo in occasione del suo incontro con…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Bankitalia: «A maggio debito pubblico in aumento a 2.327 miliardi»

A maggio 2018, il debito pubblico italiano ha raggiunto i 2.327 miliardi di euro. Lo rende noto la Banca d’Italia attraverso la diffusione del supplemento…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bitcoin, Uif: «La criminalità organizzata si serve anche delle valute virtuali»

La criminalità organizzata si serve anche delle «valute virtuali» per «il reinserimento dei proventi illeciti nell’economia regolamentata». Così il direttore della Unità di informazione per…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia