Commercio extra-Ue, Istat: export +3,2% e import -3,7% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio extra-Ue, Istat: export +3,2% e import -3,7%

In un comunicato stampa dell’Istat si legge che a dicembre 2014, rispetto al mese precedente, i flussi commerciali con i paesi extra Ue mostrano dinamiche divergenti: export (+3,2%) e import (-3,7%).
L’incremento congiunturale delle esportazioni risulta diffuso a tutti i raggruppamenti di beni, con l’eccezione dei beni di consumo durevoli (-2,4%). Energia (+7,2%), prodotti intermedi (+5,1%) e beni di consumo non durevoli (+4,3%) sono in forte crescita.
Al netto dei prodotti energetici (-10,3%), la flessione congiunturale dell’import è molto meno accentuata (-1,1%). Solo i beni di consumo durevoli sono in espansione (+4,9%).
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue risulta positiva (+1,8%) e investe tutti i raggruppamenti principali di beni, esclusa l’energia (-3,6%).
Dal lato dell’import, si registra per lo stesso periodo una contenuta flessione (-0,9%) da ascrivere all’energia (-13,1%), al netto della quale le importazioni crescono del 4,9%.
L’incremento delle importazioni di beni strumentali (+8,5%) e di beni di consumo non durevoli (+5,7%) è rilevante.
A dicembre 2014, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, si rileva una crescita tendenziale dell’export (+5,3%) particolarmente sostenuta per i prodotti intermedi (+10,4%) e i beni strumentali (+8,4%).
Su base annua le importazioni registrano un forte calo (-8,7%) ascrivibile alla marcata contrazione degli acquisti di energia (-35,3%). Al netto di questa componente, l’import è in forte espansione (+10,0%).
Nel 2014, rispetto al 2013, le esportazioni verso i paesi extra Ue risultano sostanzialmente stabili (-0,1%) mentre le importazioni sono in forte calo (-5,4%). Al netto dell’energia, entrambi i flussi presentano dinamiche positive, rispettivamente pari a +1,0% e +4,6%.
A dicembre 2014 il saldo commerciale risulta attivo per 5,3 miliardi (+3,4 miliardi a dicembre 2013), il livello più alto da gennaio 1993. Nell’intero anno il surplus raggiunge 28,1 miliardi, a fronte di 19,6 miliardi nel 2013.
Nel 2014, l’andamento pressoché stazionario delle esportazioni è il risultato di dinamiche divergenti rispetto ai principali mercati di sbocco. Stati Uniti (+10,2%), paesi EDA (+9,6%), Cina (+6,6%) e paesi ASEAN (+5,1%) forniscono un forte impulso alla crescita delle vendite sui mercati esteri. Al contrario, la marcata flessione dell’export verso alcuni mercati, quali Russia (-11,6%), Giappone (-10,9%), paesi MERCOSUR (-7,2%), Svizzera (-6,4%) penalizza la dinamica complessiva delle esportazioni verso i paesi extra Ue.

 

Scrivi una replica

News

Ue, Di Maio: «L’Italia non ratificherà il Ceta»

L’Italia non ratificherà il CETA, il trattato di libero scambio negoziato tra Canada e Unione europea. Così il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro,…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Regno Unito e Stati Uniti stringeranno un accordo di libero scambio»

Stati Uniti e Regno Unito creeranno un’area di libero scambio. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Donald J.Trump, intervenendo in occasione del suo incontro con…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Bankitalia: «A maggio debito pubblico in aumento a 2.327 miliardi»

A maggio 2018, il debito pubblico italiano ha raggiunto i 2.327 miliardi di euro. Lo rende noto la Banca d’Italia attraverso la diffusione del supplemento…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bitcoin, Uif: «La criminalità organizzata si serve anche delle valute virtuali»

La criminalità organizzata si serve anche delle «valute virtuali» per «il reinserimento dei proventi illeciti nell’economia regolamentata». Così il direttore della Unità di informazione per…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia