In Italia buona la formazione, ma scarsa l’attrattività | T-Mag | il magazine di Tecnè

In Italia buona la formazione, ma scarsa l’attrattività

lavoro_apprendistatoA novembre la percentuale di disoccupati tra i 15 ed i 24 anni sul totale della popolazione di pari età è stata del 12,2% (il tasso di disoccupazione giovanile si è invece attestato al 43,9%). Tuttavia non è colpa esclusiva della congiuntura economica, ma della differenza tra le competenze offerte dal mondo dell’istruzione e quelle richieste dai datori di lavoro.
Secondo Adecco, che insieme a Insead e HLCI ha redatto il Global Talent Competitiveness Index, la percentuale di giovani senza lavoro, penalizzati dalla scarsa “comunicazione” tra mondo della formazione e imprese, si aggirerebbe intorno al 19%. L’analisi, che classifica 93 Paesi in base alla capacità di formare, attrarre e mantenere tra i propri confini i propri talenti, descrive il nostro Paese come un ottimo incubatore, incapace però di attrarre e mantenere i talenti a causa, da un lato, delle incompatibilità tra formazione e finalità e dall’altro, a causa della situazione economica che l’Italia sta attraversando.
Nel ranking, presentato al World Economic Forum di Davos, l’Italia si piazza 36esima. In particolare a penalizzare il nostro Paese sono le voci legate al rapporto tra compenso e produttività (per il quale occupiamo il 91esimo posto) e per gli effetti della tassazione sul lavoro (al 92 esimo posto). Male anche per quanto riguarda la valorizzazione dei talenti, 55esimo posto, e l’attrattività, 58esimo.
I punti di forza italiani sono invece le competenze “vocazionali” (la produttività, le abilità – le cosiddette skills – e le qualifiche di alto livello), grazie alle quali raggiunge il 14 esimo posto.
Dall’indagine è emerso che il Paese che più punta sui giovani talenti (appunto formandoli, facendoli crescere, attraendoli e tenendoli per favorire la propria competitività) è la Svizzera. Al secondo posto c’è Singapore, seguito da Lussemburgo, Stati Uniti, Canada, Svezia, Regno Unito, Danimarca, Australia e infine, in fondo alla top ten, l’Irlanda.
I Paesi presi in considerazione dall’indagine rappresentano oltre il 96% del Prodotto interno lordo mondiale e oltre l’83% della popolazione totale. La Svizzera è in cima alla graduatoria per capacità di investire su idoneità al lavoro e formazione professionale (la capacità dunque di formare giovani adatti alla domanda del lavoro). Determinante in questo senso è l’apprendistato, che in Svizzera coinvolge il 70% degli studenti sopra i 15 anni. Singapore, secondo in classifica, è invece il Paese che attrae più talenti, mentre Lussemburgo è quello considerato più aperto sia dal punto di vista commerciale sia dal punto di vista professionale.

(articolo pubblicato il 22 gennaio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Cia: “Corea del Nord vicina a poter colpire gli Usa”

“La Corea del Nord è a mesi di distanza dallo sviluppare le capacità di colpire l’America con un missile balistico armato di testata nucleare”. Lo…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone verso un nuovo imperatore nel 2019

“Il principe della corona giapponese Naruhito potrebbe ascendere al trono del Crisantemo il primo aprile 2019”. Lo ha reso noto l’Asahi Shimbun che cita fonti…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Unicef: “12mila bambini in fuga ogni settimana in Myanmar”

Sono 3 milioni 200mila i bambini in terribili condizioni di vita e malattie legate all’acqua nel Bangladesh meridionale.Sono compresi anche i 10mila bambini che hanno…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 162 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 162 punti.…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia