Petrolio: le conseguenze su investimenti e lavoratori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Petrolio: le conseguenze su investimenti e lavoratori

Entro il 2017 gli investimenti globali in esplorazione potrebbero scendere del 20%. Molte compagnie hanno già annunciato tagli al personale.
di Matteo Buttaroni

petrolioLe prime conseguenze del crollo dei prezzi del petrolio cominciano a farsi vedere. Gli investimenti calano, come anche gli occupati nelle grandi compagnie petrolifere. Non solo, al di fuori dell’area Opec anche la produzione comincia a dare segni di instabilità.
Si può dire che si sia verificato proprio quello che nell’Organizzazione dei Paesi esportatori di greggio si aspettavano: ben presto la produzione di greggio comincerà a calare con la conseguenza di una lenta spinta al rialzo dei prezzi.
In particolare quello che spera l’Opec, e che sperava quando ha deciso di non chiudere i rubinetti dell’area, è che i prezzi ritornino su livelli stabili autonomamente: in poche parole la speranza era che gli Stati Uniti riducessero gli investimenti (e di conseguenza la produzione) in Shale Oil perché poco vantaggioso (visti gli elevati costi di estrazione) alla luce del deprezzamento del greggio.
È il caso, per esempio, di Bhp Billiton. Il colosso delle estrazioni minerarie anglo-australiano ha infatti deciso di fermare il 40% dei suoi impianti di trivellazione statunitensi, scendendo quindi da 26 a 16, e di ridurre del 20% gli investimenti in ricerca ed esplorazione. Crolli degl investimenti si verificheranno, a breve anche in Canada (dove è stato annunciato un taglio di 65 mila barili al giorno di Western Canada). In Europa il Norwegian Petroleum Directorate ha annunciato un taglio agli investimenti del 15% per il 2015 e di almeno l’8% per l’anno a seguire. In totale, secondo Morgan Stanley, gli investimenti in esplorazioni potrebbero crollare del 20% entro il 2017.
Un “super” investimento cancellato è quello previsto in Qatar dalla Shell. Il colosso anglo-olandese, insieme alla Qatar Petroleum, aveva intenzione di costruire un impianto petrolchimico da 6,5 miliardi di dollari nella città industriale di Ras Laffan, ma viste le attuali quotazioni hanno deciso di rimandare.
Per quanto riguarda le ripercussioni sui lavoratori la Bp (British Petroleum) ha annunciato di volere tagliare circa 300 posti dagli impianti del Mar del Nord. La statunitense ConocoPhillips ha fatto lo stesso ai danni di 230 lavoratori. Ben più massicci i tagli previsti da Halliburton e Baker Hughes: si tratterebbe di circa sette mila addetti licenziati.

(articolo pubblicato il 29 gennaio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia