Ministero Lavoro: “Nel primo trimestre nuovi contratti in aumento del 3,8%” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ministero Lavoro: “Nel primo trimestre nuovi contratti in aumento del 3,8%”

Nel I trimestre del 2015 il Sistema Informativo delle Comunicazioni Obbligatorie ha regi- strato 2.578.057 avviamenti di nuovi rapporti di lavoro dipendente e parasubordinato, oltre 95mila in più rispetto al I trimestre del 2014 (+3,8%). Il 70% delle nuove assunzioni si è concentrato nel settore dei Servizi (1 milione e 800 mila unità) comparto che, rispetto allo stesso trimestre del 2014, aumenta del 4% il numero di contratti avviati. Nei settori Agricoltura e Industria il volume di attivazioni è rispettivamente pari a 389.859 e 386.756 unità (entrambi i settori rappresentano una quota di circa il 15% del totale contratti avviati nel I trimestre 2015) sebbene il settore agricolo resti sostanzialmente invariato rispetto allo stesso trimestre del 2014, l’Industria registra un incremento di nuove con- trattualizzazioni del 6,4% (+7,3% nell’Industria in senso stretto e +5% nel comparto delle Costruzioni).
L’analisi dei contratti attivati rileva, rispetto al I trimestre del 2014, una sostenuta ridu- zione del numero delle collaborazioni (-15% ovvero quasi 30mila avviamenti in meno) e dell’apprendistato (-14,3% circa 8.400 contratti in meno). Il tempo determinato fa re- gistrare lievi incrementi, +1,3% ovvero sono poco meno di 20mila i contratti avviati in più rispetto al I trimestre 2014. Ad aumentare notevolmente sono i rapporti di lavoro a tempo indeterminato: +24,6% oltre 109mila unità in più rispetto allo stesso periodo di un anno fa.
A fronte dei quasi 2,6 milioni di contratti avviati nel trimestre analizzato i lavoratori inte- ressati sono 1.847.405, il 56% dei quali sono uomini. Il numero di nuovi contrattualizzati mostra una crescita, rispetto allo stesso trimestre dell’anno prima, del 3,7%.
Nel trimestre sono state registrate 1.967.604 cessazioni di rapporti di lavoro, di queste 1.041.601 hanno riguardato donne e 926.003 hanno riguardato uomini.
Rispetto al I trimestre 2014, il numero delle cessazioni aumenta del 3,4%, ovvero 64.341 unità. Si osserva una contrazione delle cessazioni nel comparto delle Costruzioni (-4,3%) e un leggero calo in Agricoltura e nell’Industria (-0,3% per entrambi i settori), incrementi si registrano nell’Industria in senso stretto (+2,7%) e nei Servizi (+4,4%). Nel periodo in esame, si osserva la netta contrazione delle conclusioni per “cessazione attività”, in calo del 21,1% rispetto al I trimestre dell’anno prima e di quelle per “licenziamento” anch’es- se in diminuzione del 12,3%. Da segnalare un aumento delle dimissioni del 7,3% e delle cessazioni per scadenza naturale del contratto del 6,7% .
I lavoratori interessati da cessazioni nel I trimestre 2015 sono stati 1.314.593 in aumento dell’1,6% rispetto allo stesso periodo del 2014.

(fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali)

 

Scrivi una replica

News

Mattarella: «Imparare la lingua italiana è una priorità per coloro che sono giunti in Italia di recente»

«Per coloro che sono giunti in Italia di recente, la lingua rappresenta il primo strumento nel cammino di integrazione. Importante e prezioso è il ruolo…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commissione Ue boccia la manovra

La Commissione Ue ha respinto il Documento programmatico di bilancio italiano e ne ha chiesto uno nuovo, che dovrà essere presentato entro tre settimane a…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dl Fiscale, il testo è stato firmato dal presidente della Repubblica

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il decreto fiscale. Il testo è arrivato al Quirinale dopo il via libera della Ragioneria. Tra le…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Continua la richiesta di prestiti»

«Nel terzo trimestre la domanda di finanziamenti da parte delle imprese ha continuato a crescere. All’aumento delle richieste di prestiti hanno contribuito il basso livello…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia