Consumi su, ma serviranno 15 anni per livelli pre-crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Consumi su, ma serviranno 15 anni per livelli pre-crisi

consumi_crisi_economicaAnche i consumi delle famiglie sono tornati crescere, rappresentando l’ennesimo indicatore che lascia intravedere una lieve ripresa per l’economia italiana. A rilevare buone performance è il Centro Studi di Confcommercio che, comunque, ricorda che per tornare ai livelli pre-crisi (dunque al 2007) potrebbero volerci molti anni.
Nel mese di aprile l’indicatore dei Consumi della Confcommercio ha indicato una crescita dello 0,5% dei consumi rispetto al mese precedente e dello 0,8% rispetto all’aprile del 2014. Un dato che, confermando il trend in corso ormai dall’estate scorsa, mostra un miglioramento più accentuato rispetto ai mesi precedenti., lasciando presupporre una crescita dei consumi pari all’1% per l’intero 2015.
Come anticipato, la ripresa dei consumi si va ad aggiungere agli altri indicatori che hanno già dato i primi segnali di miglioramento: la produzione industriale, per esempio, dopo aver riportato una crescita dello 0,3% congiunturale ad aprile, secondo la Confcommercio avrebbe segnato un ulteriore +0,1% a maggio. Una variazione lieve ma pur sempre in positivo. Segnali incoraggianti sono arrivati anche da mercato del lavoro, che ha visto crescere gli occupati (+159 mila unità sul mese precedente) e diminuire le persone in cerca di un’occupazione (-40 mila).
Segnali positivi sono arrivati anche dal resoconto del Cerved in cui parla di una diminuzione nel numero dei fallimenti delle imprese. Sempre dal panorama imprenditoriale si registra una crescita delle imprese guidate da giovani. Secondo Unioncamere, delle 115 mila imprese nate nel primo trimestre del 2015, ben il 31% (oltre 35 mila) hanno alla guida giovani con meno di 35 anni di età .
Eppure, nonostante numerosi indicatori siano tornati in territorio positivo, le famiglie italiane rimangono pessimiste riguardo la situazione attuale futura del proprio nucleo famigliare, probabilmente anche perché consapevoli del fatto che per tornare ai livelli pre-crisi ci vorranno anni.
Dodici, per l’esattezza, almeno per quanto riguarda il Pil. Ad azzardare la stima è sempre Confcommercio che sottolinea anche che bisognerà attendere il 2030 per assistere ad una spesa delle famiglie vicina a quella registrata nel 2007. Questo anche perché bisognerà aspettare il 2032 per riportare ai livelli pre-crisi i redditi disponibili.
Intanto, sulla scia dei risultati ottimistici il Centro studi ha confermato le stime di crescita per l’anno in corso al +1,1 e all’1,4% per il seguente.

(articolo pubblicato l’8 giugno 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Commercio, l’Ue sta preparando le contromisure per gli eventuali dazi Usa sulle auto europee

L’Ue sta stilando una lista di contromisure per gli eventuali dazi imposti dagli Stati Uniti sulle importazioni delle auto europee. Lo ha annunciato il commissario…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Putin: «L’incontro con Trump è stato tutto sommato è stato un successo»

«Tutto sommato un successo». Lo ha detto il presidente della Russia, Vladimir Putin, commentando l’incontro a Helsinki con il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump,…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Bruxelles: «I Paesi dell’Ue non sono ancora abbastanza pronti ad affrontarla»

I 27 Paesi dell’Unione europea «non sono ancora abbastanza pronti» ad affrontare tutti gli scenari possibili in cui si andrà a concretizzare la Brexit. Lo…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Approvata legge che definisce Israele «Stato-nazione del popolo ebraico»

La Knesset – il Parlamento israeliano – ha approvato la scorsa notte una legge che definisce Israele come «Stato-nazione del popolo ebraico». I voti a…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia