Crisi economica: paesi emergenti in difficoltà | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica: paesi emergenti in difficoltà

africa_subsaharianaMolti tra i paesi cosiddetti emergenti sono riusciti in un momento di particolare incertezza economica, causa crisi, a beneficiare dei ritardi altrui per consolidare le proprie posizioni. Si è parlato spesso, infatti, dell’espansione dei paesi Brics (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica), della crescita dell’America latina o dell’Africa sub-sahariana. Ma si tratta di un discorso valido ancora oggi?
Una prima risposta arriva dalla Banca mondiale, secondo cui i paesi in via di sviluppo stanno attraversando ora una fase di difficoltà derivante da un “rallentamento strutturale” che potrebbe durare anche anni. Questo mentre l’Europa mostra rinnovati segnali di vitalità e gli Stati Uniti frenano la corsa rispetto all’anno scorso.
In generale la Banca mondiale ha tagliato il Prodotto interno lordo a livello globale per il 2015, che dunque crescerà del 2,8%, vale a dire meno del 3% stimato a gennaio. L’Eurozona crescerà dell’1,5% (la crescita prevista era dell’1,3%), gli Stati Uniti dalle attese a +3,2% passano a +2,7% e i paesi in via di sviluppo, per l’appunto, cresceranno del 4,4%, lo 0,4% in meno.
Il contesto economico internazionale non è tanto positivo per quei paesi emergenti esportatori di materie prime a causa della riduzione dei prezzi. E comunque a subire di più il colpo sono quelle economie con prospettive di crescita più contenute e che presentano evidenti diseguaglianze. Non deve stupire, insomma, se al centro dell’agenda in discussione al vertice Ue-Celac (Comunità di Stati Latinoamericani e dei Caraibi) di queste ore ci sia proprio il tema dell’azzeramento delle diseguaglianze (più altre sfide come l’ambiente e i cambiamenti climatici).
Ogni paese e area di sviluppo fa storia a sé, ovviamente. Le economie emergenti sono cresciute in media del 6% dal 2000 al 2011. L’area dell’Africa sub-sahariana viaggiava ad una media storica del 4,4% (in alcuni casi anche del 5%), mentre le stime di quest’anno confidano in una crescita del 4%. Si tratta pur sempre di una prospettiva migliore rispetto alle attese per l’economia mondiale, ma il dato preoccupa soprattutto per via delle lacune strutturali – guerre, epidemie – che da sempre minano la stabilità sia economica che politica.
Diversa la situazione dei paesi Brics. La Cina ha rallentato la sua crescita, vero, ma tale flessione è “pilotata” da Pechino, e comunque viaggia su livelli superiori al 7%. Già nel 2014 l’economia cinese aveva registrato un +7,4% (la crescita più bassa degli ultimi 24 anni) contro il 7,7% del 2013. Chi va decisamente peggio è la Russia, che deve fare i conti con non poche questioni sfavorevoli, dal crollo del prezzo del petrolio alle sanzioni per la crisi ucraina. L’India, al contrario, cresce a ritmi elevati (si prevede del 7,5% nel 2015), mentre è il Brasile a soffrire maggiormente. Addirittura la sua economia dovrebbe chiudere l’anno in territorio negativo, con una contrazione dell’1,3%.
Il Messico, come l’India, viene considerato in questo momento più affidabile del Brasile per investire. Il Brasile è in sofferenza, come si è visto, mentre il Messico ha un’economia più stabile non avendo una stretta dipendenza dalle materie prime e la moneta debole permette comunque al paese di incentivare l’export, soprattutto verso gli Stati Uniti.

(articolo pubblicato l’11 giugno 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Banche, Di Maio: «Il sistema bancario per la sua arroganza»

«Il sistema bancario la deve pagare perché ha avuto un atteggiamento arrogante infischiandosene dei risparmiatori e dello Stato ed è stato protetto da ambienti politici…

17 Lug 2018 / 3 Commenti / Leggi tutto »

Tria: «Nel 2018 l’economia italiana potrebbe crescere dell’1,5% circa»

L’economia italiana può chiudere il 2018 «con una crescita non lontana da quella programmata» nel Documento di economia e finanza, pari al +1,5%. Lo ha…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il 25 luglio Juncker incontrerà Trump a Washington

«Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker si recherà a Washington mercoledì 25 luglio dove sarà ricevuto dal presidente Trump alla Casa Bianca». Lo rende…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Da inizio 2018 morti 1.443 migranti nel mar Mediterraneo

Dal 1° gennaio al 15 luglio 2018, 50.872 migranti hanno raggiunto l’Europa via mare. Lo rende noto l’OIM, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni. Mentre sono…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia