Crisi economica: paesi emergenti in difficoltà | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica: paesi emergenti in difficoltà

africa_subsaharianaMolti tra i paesi cosiddetti emergenti sono riusciti in un momento di particolare incertezza economica, causa crisi, a beneficiare dei ritardi altrui per consolidare le proprie posizioni. Si è parlato spesso, infatti, dell’espansione dei paesi Brics (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica), della crescita dell’America latina o dell’Africa sub-sahariana. Ma si tratta di un discorso valido ancora oggi?
Una prima risposta arriva dalla Banca mondiale, secondo cui i paesi in via di sviluppo stanno attraversando ora una fase di difficoltà derivante da un “rallentamento strutturale” che potrebbe durare anche anni. Questo mentre l’Europa mostra rinnovati segnali di vitalità e gli Stati Uniti frenano la corsa rispetto all’anno scorso.
In generale la Banca mondiale ha tagliato il Prodotto interno lordo a livello globale per il 2015, che dunque crescerà del 2,8%, vale a dire meno del 3% stimato a gennaio. L’Eurozona crescerà dell’1,5% (la crescita prevista era dell’1,3%), gli Stati Uniti dalle attese a +3,2% passano a +2,7% e i paesi in via di sviluppo, per l’appunto, cresceranno del 4,4%, lo 0,4% in meno.
Il contesto economico internazionale non è tanto positivo per quei paesi emergenti esportatori di materie prime a causa della riduzione dei prezzi. E comunque a subire di più il colpo sono quelle economie con prospettive di crescita più contenute e che presentano evidenti diseguaglianze. Non deve stupire, insomma, se al centro dell’agenda in discussione al vertice Ue-Celac (Comunità di Stati Latinoamericani e dei Caraibi) di queste ore ci sia proprio il tema dell’azzeramento delle diseguaglianze (più altre sfide come l’ambiente e i cambiamenti climatici).
Ogni paese e area di sviluppo fa storia a sé, ovviamente. Le economie emergenti sono cresciute in media del 6% dal 2000 al 2011. L’area dell’Africa sub-sahariana viaggiava ad una media storica del 4,4% (in alcuni casi anche del 5%), mentre le stime di quest’anno confidano in una crescita del 4%. Si tratta pur sempre di una prospettiva migliore rispetto alle attese per l’economia mondiale, ma il dato preoccupa soprattutto per via delle lacune strutturali – guerre, epidemie – che da sempre minano la stabilità sia economica che politica.
Diversa la situazione dei paesi Brics. La Cina ha rallentato la sua crescita, vero, ma tale flessione è “pilotata” da Pechino, e comunque viaggia su livelli superiori al 7%. Già nel 2014 l’economia cinese aveva registrato un +7,4% (la crescita più bassa degli ultimi 24 anni) contro il 7,7% del 2013. Chi va decisamente peggio è la Russia, che deve fare i conti con non poche questioni sfavorevoli, dal crollo del prezzo del petrolio alle sanzioni per la crisi ucraina. L’India, al contrario, cresce a ritmi elevati (si prevede del 7,5% nel 2015), mentre è il Brasile a soffrire maggiormente. Addirittura la sua economia dovrebbe chiudere l’anno in territorio negativo, con una contrazione dell’1,3%.
Il Messico, come l’India, viene considerato in questo momento più affidabile del Brasile per investire. Il Brasile è in sofferenza, come si è visto, mentre il Messico ha un’economia più stabile non avendo una stretta dipendenza dalle materie prime e la moneta debole permette comunque al paese di incentivare l’export, soprattutto verso gli Stati Uniti.

(articolo pubblicato l’11 giugno 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Manovra, Moscovici: «Italia deve compiere ulteriori sforzi per il bilancio»

«L’Italia dovrebbe compiere ulteriori sforzi per il Bilancio 2019.È un passo nella giusta direzione, ma ancora non ci siamo, ci sono ancora dei passi da…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Conte: «Confidiamo di portare a casa una soluzione positiva»

«Da 2,4 scesi a 2,04 con il deficit. Reddito e quota 100 restano». Lo ha detto il premier italiano Giuseppe Conte. «Confidiamo di portare a…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Strasburgo, killer: «Vendetta per i fratelli siriani»

«Ho ucciso per vendicare i fratelli morti in Siria». Lo ha reso noto il quotidiano parigino Le Parisien, citando una testimonianza del conducente del taxi…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 51,55 dollari al barile e Brent a 60,44 dollari

All’avvio dei mercati il greggio texano è stato scambiato a 51,55 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 60,44 dollari.…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia