Il mercato della musica in streaming | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il mercato della musica in streaming

di Matteo Buttaroni

spotifyMentre Spotify gioisce e cavalca l’onda sbaragliando la concorrenza, il nuovo arrivato Apple Music riscontra i primi problemi e finisce sotto la lente dell’Antitrust, ancor prima di aver aperto le porte alla fruizione da parte di una scalpitante utenza, come se per il servizio della casa di Cupertino non fosse già difficile farsi strada in un mercato che è apparso già saturo anche per Tidal (arrivato qualche mese prima).
Il servizio controllato, niente meno che, dal colosso della musica black JAY Z sta infatti facendo a sportellate per ritagliarsi la sua quota di utenza, mettendo in campo anche mosse al limite della giusta battaglia concorrenziale: le esclusive (poco funzionali in un’epoca in cui l’upload su YouTube è alla portata di tutti). Dalla sua il rapper di New York vanta, infatti, artisti del calibro di Beyoncé e Rihanna e un’offerta video che neanche lo stesso Spotify (che però al contrario di Tidal ha sposato la politica del Freemium), detentore ad oggi dello scettro di servizio streaming più utilizzato, può annoverare tra i servizi da offrire ad un abbonato.
Secondo gli ultimi dati comunicati, il servizio svedese avrebbe raggiunto i 75 milioni di utenti attivi e i 20 milioni di abbonati a pagamento, mettendo a segno una crescita del 100% nel corso del 2014. Dalla nascita di Spotify, nel 2008, ad oggi, il colosso lanciato dalla startup svedese SpotifyAB ha generato oltre tre miliardi di dollari di indotto per l’industria musicale totale, contribuendo notevolmente alla crescita del contributo dello streaming all’intero settore musicale.
Secondo il rapporto Ifpi, di recente pubblicazione, nel corso dello scorso anno il fatturato da servizi streaming sarebbe impennato di 39 punti percentuali (mentre sono cresciuti del 46,4% i consumatori a pagamento raggiungendo i 41 milioni di abbonamenti) arrivando a toccare 1,6 miliardi di dollari, contribuendo, nel dettaglio, all’importante crescita dell’intero comparto digitale. Formato che ha, di fatto, raggiunto i supporti fisici.
Secondo Ifpi, il volume d’affari generato dal digitale sarebbe pari al 46% del totale (in crescita del 6,9% rispetto al 2013), la stessa quota generata dai supporti fisici, che hanno perso terreno mettendo a segno un -8,1% rispetto all’anno precedente.
La mossa di Apple, di far rinascere dalle ceneri di Beats Music il servizio di Apple Music cavalcando l’onda del successo dello streaming, potrebbe dunque non essere sbagliata, se non fosse che sarà difficile per Cupertino ritagliarsi una fetta di utenza tanto consistente da sbaragliare, l’ormai affermato, Spotify.
Come se non bastasse a mettere i bastoni tra le ruote della casa della mela morsicata arriva anche l’Antitrust. Secondo alcuni organi di stampa (tra cui il Financial Times) le procure generali di New York e del Connecticut avrebbero dato il via ad alcune indagini per fare luce su presunti accordi stretti tra la Apple ed alcune importanti etichette discografiche con l’intento di sbaragliare la concorrenza.

(articolo pubblicato l’11 giugno 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia