Le imprese creative hanno una marcia in più | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le imprese creative hanno una marcia in più

biblioteca_libri_culturaCon la cultura si genera ricchezza, altroché. Avevamo già visto, di recente, come il sistema produttivo culturale offra un importante contributo all’economia nazionale. Basta guardare al numero delle imprese: 443 mila. E 79 sono i miliardi di euro di valore aggiunto prodotto, per 1,4 milioni di persone occupate nel settore.
Insomma, messa in questo modo, si potrebbe azzardare che la cultura non abbia risentito troppo della crisi economica. Anzi, l’ultimo rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere, Io sono cultura – L’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi, osserva che il fatturato delle imprese italiane che dal 2012 al 2015 hanno investito in creatività hanno poi visto è cresciuto del 3,2%, a differenza delle altre che hanno invece registrato una flessione.
Non solo. Meglio è andato anche l’export: sono il 48,1% delle imprese culturali a beneficiare dei vantaggi mentre la percentuale scende (21,6%) tra quelle che non hanno investito in creatività. E poi, non è il caso di dimenticarlo, la cultura sostiene anche il turismo.
Le 443 mila imprese rappresentano il 5,4% della ricchezza prodotta in Italia, che in cifre fa 78,6 miliardi di euro. Se consideriamo poi che ogni euro prodotto dalle imprese creative “attiva” 1,7 euro in altri settori, allora la somma lievita a 227 miliardi.
Ma quali sono, in effetti, i settori interessati? Presto detto: le imprese culturali vere e proprie – quindi cinema, musica ed editoria –, quelle del patrimonio storico e artistico – musei, siti archeologici, eccetera –, le imprese creative – architettura, artigianato, design – e quelle delle performing art e delle arti visive.
Per quanto riguarda la ripartizione geografica, invece, particolarmente vivace risulta essere il Centro (qui viene prodotto un valore aggiunto di 19,9 milioni di euro, il 6,3% dell’economia). Nel Lazio è dove si genera più valore aggiunto, ma le Marche sono la regione che creano più posti di lavoro. Molto bene si piazza Milano, che è la seconda provincia italiana per incidenza delle imprese culturali. Nel capoluogo lombardo il comparto comprende il 10,9% delle imprese. Un ruolo strategico, quello di Milano, molto più nell’anno dell’Expo.

(articolo pubblicato il 12 giugno 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Provinciali, Maurizio Fugatti nuovo governatore del Trentino

Il nuovo governatore del Trentino è il leghista Maurizio Fugatti, attuale sottosegretario alla Salute nel governo Conte. Sostenuto da una coalizione di nove partiti, è…

22 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Figc, Gabriele Gravina eletto presidente

Gabriele Gravina, 65 anni, è il nuovo presidente della Figc, la Federazione italiana giuoco calcio. Ha ottenuto il 97,20% delle preferenze, alla prima votazione. Era…

22 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Tria: «Non espone a rischi la stabilità finanziaria né dell’Italia né dell’Ue»

La manovra «non espone a rischi la stabilità finanziaria dell’Italia né degli altri paesi dell’Unione europea». Lo ha scritto il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, nella…

22 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Conte: «Pregiudizi inaccettabili da un’istituzione come l’Ue»

«Se un commissario Ue prima di leggera la manovra e prima che arrivi la lettera dell’Ue mi dice che questa manovra verrà rigettata, io dico…

22 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia