L’agricoltura traina il Made in Italy | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’agricoltura traina il Made in Italy

Il numero degli occupati nel settore è aumentato del 6,2% negli ultimi mesi. Anche le esportazioni crescono, in particolare in Cina

Agroalimentare-2Alcuni settori hanno reagito meglio di altri alla crisi economica, incrementando il fatturato e le possibilità occupazionali. L’agricoltura è senza dubbio uno di questi. E i dati confortanti degli scorsi anni sembrano trovare ulteriore conferma nel primo trimestre del 2015.
È un aspetto da non sottovalutare, soprattutto in pieno svolgimento dell’Expo, vetrina e allo stesso tempo volano per il Made in Italy. Basti pensare che, come sottolinea la Coldiretti (l’analisi si basa su dati Istat) le esportazioni di prodotti agricoli e di alimenti e bevande trasformati sono cresciute in valore del 6,2% su base annua nel periodo gennaio-marzo, dopo il record di 34,4 miliardi registrato l’anno scorso.
Ma è il trend dell’occupazione a sorprendere di più. Anche qui l’incremento nel numero di occupati è di quelli record, pari al 6,2%. Un valore, sottolinea la Coldiretti, dieci volte superiore al livello medio evidenziato negli altri settori, per un totale di 27 mila occupati in più rispetto al 2014.
Tale andamento positivo è il risultato tanto della crescita del numero di lavoratori indipendenti (+7,4%) quanto di quelli dipendenti (+4,9%). Nel complesso (indipendenti e dipendenti), per quanto riguarda la ripartizione territoriale, si rilevano aumenti soprattutto al Nord e al Mezzogiorno (rispettivamente del 16,1 e del 44,4%). Al Centro, invece, l’occupazione risulta in calo dell’11,5%.
Che l’agricoltura sia un’ottima opportunità di realizzazione lo dimostra il fatto che ad andare bene sono anche quelle categorie solitamente svantaggiate nel mercato del lavoro: i giovani e le donne. Negli anni, compresi quelli caratterizzati dalla crisi economica, sono cresciute le imprese under 35 (ad alto contenuto innovativo, peraltro) e nello specifico un’impresa su tre è guidata da donne.
Dell’aumento dell’export, si diceva in apertura. Ultimamente il Made in Italy viene apprezzato molto in Cina. A sottolinearlo è sempre la Coldiretti che ha illustrato di recente lo studio in occasione del Forum italo-cinese per la cooperazione nel settore agroalimentare nel giorno dedicato dall’Expo proprio alla Cina. In pratica le esportazioni verso Pechino sono aumentate del 298% dall’inizio della crisi, registrando nel 2014 i massimi di sempre. In cifre: 367 milioni di euro. E il trend prosegue sulla scia di questi risultati: le esportazioni agroalimentari italiane sono cresciute anche nel primo trimestre del 2015, un aumento pari al 4%.

(articolo pubblicato il 17 giugno su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «La domanda interna continua a sostenerne l’espansione»

«Anche se i dati sono più deboli di quanto atteso, a fronte di una domanda estera e di fattori specifici di Paesi e settori, la…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

BCE: da fine dicembre stop al QE, tassi invariati fino a estate 2019

Nella riunione odierna il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) ha deciso che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Moscovici: «Italia deve compiere ulteriori sforzi per il bilancio»

«L’Italia dovrebbe compiere ulteriori sforzi per il Bilancio 2019.È un passo nella giusta direzione, ma ancora non ci siamo, ci sono ancora dei passi da…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Conte: «Confidiamo di portare a casa una soluzione positiva»

«Da 2,4 scesi a 2,04 con il deficit. Reddito e quota 100 restano». Lo ha detto il premier italiano Giuseppe Conte. «Confidiamo di portare a…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia