Il costo della vita in Italia e nell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il costo della vita in Italia e nell’Ue

spesa_consumi_famiglieSono molti gli italiani convinti che in Italia il costo della vita sia troppo elevato rispetto a Paesi come la Germania o la Francia, tanto che a volte si sentono vere e proprie “leggende metropolitane” su quanto sia più conveniente fare la spesa a Berlino piuttosto che a Roma.
In effetti una certa convenienza c’è, soprattutto se si entra nel dettaglio di particolari prodotti, ma l’indice generale, calcolato dall’Eurostat, pone i due Paesi sullo stesso piano. Diverso il discorso se il confronto si fa invece con la media europea. In questo caso, infatti, per molte tipologie beni e servizi la convenienza viaggia a favore dell’Italia.
Per calcolare l’indice, ed è doveroso sottolinearlo, l’Istituto di statistica della Commissione europea, si basa su una serie di parametri come l’indice di prezzi per beni e servizi, il potere d’acquisto delle famiglie e il tasso di cambio reale. Questo per dire che non basta recarsi in un negozio e confrontare il prezzo della pasta o di un dentifricio.
Tornando ai dati si nota come, appunto, l’Italia e la Germania occupino insieme l’undicesimo gradino della classifica europea, attestandosi a 102 punti (la media dell’Ue è 100), contro – per esempio – i 108 della Francia e i 93 della Spagna.
Come dicevamo, le singole voci del dettaglio mostrano una leggera convenienza a favore della Germania per le diverse tipologie di prodotti, ma anche a favore dell’Italia se il confronto si fa invece con l’intera Ue.
Mentre i cibi e in non alcolici nel nostro Paese si attestano a 112 punti, in Germania si scende a 109, ma è anche vero che si sale a 139 in Danimarca, a 169 in Norvegia e a 153 nella vicina Svizzera.
Per gli alcolici ed il tabacco (che comunque non rappresentano beni di prima necessità), l’indice viaggia sui 95 punti (quindi al di sotto della media Europea), contro gli 89 della Germania, i 108 della Francia e i picchi massimi di Irlanda (170), Danimarca (121), Islanda (172) e Norvegia (addirittura 239).
Anche per l’elettronica l’indice italiano, che si attesta a 98 punti (leggermente al di sopra di quello tedesco che si ferma a 95), si poine al di sotto della media europea e molto al di sotto di quello di Paesi come il Belgio e il Regno Unito (entrambi con 108 punti), Malta (116), Islanda (148), e Francia (101).
Passando ai servizi l’Italia presenta un indice più basso della media europea per quanto riguarda i trasporti (99) ma non per hotel e ristoranti (109). In Germania tali indici si attestano, rispettivamente, a 96 e 97 punti, in Francia a 104 e 112 e nel Regno Unito a 102 e 113.

(articolo pubblicato il 22 giugno 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Banche, Di Maio: «Il sistema bancario per la sua arroganza»

«Il sistema bancario la deve pagare perché ha avuto un atteggiamento arrogante infischiandosene dei risparmiatori e dello Stato ed è stato protetto da ambienti politici…

17 Lug 2018 / 3 Commenti / Leggi tutto »

Tria: «Nel 2018 l’economia italiana potrebbe crescere dell’1,5% circa»

L’economia italiana può chiudere il 2018 «con una crescita non lontana da quella programmata» nel Documento di economia e finanza, pari al +1,5%. Lo ha…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il 25 luglio Juncker incontrerà Trump a Washington

«Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker si recherà a Washington mercoledì 25 luglio dove sarà ricevuto dal presidente Trump alla Casa Bianca». Lo rende…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Da inizio 2018 morti 1.443 migranti nel mar Mediterraneo

Dal 1° gennaio al 15 luglio 2018, 50.872 migranti hanno raggiunto l’Europa via mare. Lo rende noto l’OIM, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni. Mentre sono…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia