Commercio extra-Ue, Istat: export +0,4% import -1,9% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio extra-Ue, Istat: export +0,4% import -1,9%

A maggio 2015, rispetto al mese precedente, i flussi commerciali con i paesi extra-Ue mostrano dinamiche divergenti, con un aumento delle esportazioni (+0,4%) e un calo delle importazioni (-1,9%).
L’energia (+30,6%) e, in misura meno rilevante, i beni di consumo durevoli (+1,9%) concorrono all’aumento delle vendite verso i paesi extra-Ue. Le vendite di prodotti intermedi (-2,5%) e di beni strumentali (-1,3%) sono invece in flessione. Al netto dell’energia l’export è in calo (-1,1%).
Il calo congiunturale dell’import è ascrivibile ai beni strumentali (-8,2%) e all’energia (-6,6%). Gli acquisti di prodotti intermedi (+4,2%) e di beni di consumo (+0,9%) sono invece in crescita. Al netto dell’energia le importazioni non mostrano variazioni rispetto al mese precedente.
Nell’ultimo trimestre, la dinamica congiunturale dell’export si conferma positiva (+3,1%) ed estesa a tutti i raggruppamenti principali di beni. La crescita è particolarmente intensa per l’energia (+17,0%) e per i beni di consumo non durevoli (+4,3%).
Nello stesso periodo, la crescita congiunturale delle importazioni è ampia (+7,1%) e investe tutti i comparti. I prodotti energetici (+15,6%) e, in misura minore, i beni di consumo durevoli (+9,0%), registrano la crescita più marcata.
A maggio 2015, la lieve crescita tendenziale dell’export (+0,2%) è condizionata da una differenza nei giorni lavorativi (20 a maggio 2015 rispetto a 21 di maggio 2014). Al netto di questo effetto, la crescita tendenziale è pari a +4,0%. La crescita riguarda tutti i comparti, esclusi i beni strumentali (-6,1%), ed è particolarmente intensa per l’energia (+10,3%).
Le importazioni registrano una flessione tendenziale (-3,1%). Al netto della componente energetica (-28,1%), la dinamica degli acquisti è tuttavia positiva (+10,6%) e diffusa a tutti i comparti.
A maggio 2015 l’avanzo commerciale è pari a 2.857 milioni di euro (+2.404 milioni a maggio 2014). Il surplus nell’interscambio di prodotti non energetici è pari a 5,4 miliardi, rispetto ai 6,4 miliardi di maggio 2014.
Nel mese di maggio 2015, i mercati di sbocco più dinamici sono Giappone e Turchia (entrambi +9,4%); le vendite verso la Russia (-30,6%) sono invece in forte calo. La crescita delle esportazioni verso gli Stati Uniti è resa meno visibile (+1,0%) dalle minori vendite di mezzi di navigazione marittima rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.
Le importazioni da Stati Uniti (+19,2%) e ASEAN (+14,7%) sono in marcata espansione mentre si registra un forte calo dalla Russia (-20,8%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Tria: «Nel 2018 l’economia italiana potrebbe crescere dell’1,5% circa»

L’economia italiana può chiudere il 2018 «con una crescita non lontana da quella programmata» nel Documento di economia e finanza, pari al +1,5%. Lo ha…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il 25 luglio Juncker incontrerà Trump a Washington

«Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker si recherà a Washington mercoledì 25 luglio dove sarà ricevuto dal presidente Trump alla Casa Bianca». Lo rende…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Da inizio 2018 morti 1.443 migranti nel mar Mediterraneo

Dal 1° gennaio al 15 luglio 2018, 50.872 migranti hanno raggiunto l’Europa via mare. Lo rende noto l’OIM, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni. Mentre sono…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Mattarella: «Un successo unico nella storia»

«Nonostante le difficoltà» va perseguito «il grande disegno che ha reso l’Unione un successo unico nella storia, polo di attrazione imperniato sui principi della democrazia…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia