I giovani tra scuola e lavoro (e le raccomandazioni…) | T-Mag | il magazine di Tecnè

I giovani tra scuola e lavoro (e le raccomandazioni…)

donne_lavoroTrovare un connubio tra scuola e lavoro è difficile. Lo è a studi conclusi, figuriamoci nel corso del percorso stesso. Tanto è vero che, tra gli intervistati dal Centro di Ricerca e Servizi Impresapiens per il progetto #NonCiFermaNessuno, la maggior parte ha dichiarato di non svolgere alcuna attività lavorativa, nonostante il 62,7% di essi desideri farlo.
Ovviamente gli studenti che lavorano lo fanno part-time, sono precari e non svolgono mansioni adatte al percorso di studi intrapresi né, tantomeno, ricevono un compenso adatto.
Nonostante tutto, il campione intervistato appare piuttosto fiducioso riguardo l’utilità del percorso formativo per l’occupazione futura anche se, in realtà, una buona quota (pari al 43%) non negherebbe una raccomandazione per ottenere un lavoro. Raccomandazioni che, secondo la maggior parte degli intervistati (il 57%), sarebbero più utili nel settore pubblico e nei concorsi che in quello privato.
“Spintarella” o no, i giovani studenti che provano ad affacciarsi nel mercato del lavoro, quando non si ritrovano di fronte a porte chiuse, sono costretti a lavorare in condizioni delle quali farebbero volentieri a meno.
E’ il caso degli stage formativi, per esempio. Se da un lato una buona fetta degli intervistati dall’Istituto Toniolo in collaborazione con l’Università Cattolica di Milano, il 78%, giudica importanti gli stage per la preparazione al mondo del lavoro, dall’altro l’83% pensa che, il più delle volte, le offerte di stage nascondano in realtà forme di sfruttamento. Evidentemente non sbagliano, visto che solo uno stagista su dieci viene assunto dalla stessa azienda per cui hanno lavorato nel periodo di tirocinio. Per questo e altri motivi sempre più giovani, il 73% secondo il Centro Studi della prima università di Roma, sarebbero pronti a lasciare l’Italia per trovare lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, il governo di Netanyahu va avanti

I ministri israeliani, Naftali Bennet e Ayelet Shaked, hanno deciso di non dimettersi e daranno fiducia al cambiamento sulla sicurezza che il premier Benyamin Netanyahu…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia