Evasione fiscale: reati, denunce e arresti nel 2014 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Evasione fiscale: reati, denunce e arresti nel 2014

evasione-fiscale1.192 miliardi di euro. A tanto ammonta il valore dei beni sequestrati dalle forze dell’ordine nel corso del 2014 grazie all’attività di controllo sull’evasione fiscale. E’ quanto emerge da una fotografia scattata dalla Cgia di Mestre. Una cifra in netto aumento rispetto ad otto anni fa quando il valore dei beni sequestrati si attestava a soli 17 milioni di euro. D’altronde, nel corso degli anni presi in esame, sono aumentati costantemente sia i soggetti denunciati che le violazioni accertate. Il numero degli arrestati, invece, è aumentato in maniera costate fino al 2013 (segnando il massimo storico) per riscendere poi lo scorso anno.
Secondo l’ufficio studi dell’Associazione Artigiani Piccole Imprese Mestre le violazioni accertate nel corso del 2014 sono state 17.802 (contro le 7.513 del 2007), i soggetti denunciati 13.062 (contro 7.342 del 2007) e le persone arrestate 146 (111 nel 2008 e 202 nel 2013).
I principali reati hanno riguardato le dichiarazioni fraudolente, con 3.875 casi; il reato di omessa dichiarazione, con 3.339 segnalazioni; quello di fatturazioni per operazioni inesistenti, con 2.068 denunce; casi di dichiarazione infedele, con 1.850 segnalazioni; e reati di occultamento e/o distruzione dei documenti fiscali, 1.656 casi.
Interessante poi quanto emerso da uno studio della Corte dei Conti: “Dai dati –si spiega – emerge il progressivo, preoccupante aumento degli importi non versati” rispetto a quelli non dichiarati.
Nel dettaglio tra il 2008 ed il 2011 la magistratura contabile ha registrato un aumento del 32,1% degli importi dichiarati ma non versati. Si parla di otto miliardi nel 2008 e oltre 10,6 miliardi nel 2011 per un totale, nel periodo preso in considerazione, di 36,2 miliardi di euro.
Certo è che, come sottolinea la Corte dei Conti, il fenomeno va letto considerando anche la costante crescita di richieste di rateazioni presentate ad Equitalia “derivanti da iscrizioni a ruolo conseguenti a liquidazione automatizzata delle imposte emergenti dalle dichiarazioni”.

(articolo pubblicato il 1 luglio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Francia, a settembre sale a 57,2 punti l’indice Pmi composito

Sale a 57,2 punti l’indice Pmi composito della Francia nel mese di settembre. Ad agosto si era attestato a 55,2 punti.…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice composito sale a 57,8 punti a settembre

In Germania, l’indice composito nel mese di settembre, ha registrato una crescita a 57,8 punti dai 55,8 di agosto.…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Indice Pmi composito sale a 56,7 punti a settembre, oltre le attese

Stando ai dati rilevati da Markit Economics, l’indice Pmi composito, sale a 56,7 punti nel mese di settembre, dai 55,7 di agosto, mentre le stime…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Pil del 2016 confermato al +0,9%, ma peggiora il deficit”

“I dati qui presentati incorporano la revisione dei conti nazionali relativa al biennio 2015-2016, effettuata per tenere conto delle informazioni acquisite dall’Istat successivamente alla stima…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia