Il giro d’affari delle ecomafie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il giro d’affari delle ecomafie

di Matteo Buttaroni

discarica“Inquinamenti e attività criminali connesse allo sfruttamento illecito del territorio, al traffico illegale dei rifiuti, all’abusivismo e alla corruzione… sono queste le attività principali delle mafie. Dobbiamo stroncarle. E sono sicuro che ci riusciremo. Batteremo le mafie e le cancelleremo dalla nostra Italia”, è il pensiero espresso dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al presidente nazionale di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza, in occasione della pubblicazione del XXXII Rapporto Ecomafia.
Uno studio dal quale emergono dati ancora una volta allarmanti: il giro d’affari delle ecomafie, infatti, continua a crescere.
In particolare Legambiente ha rilevato che nel 2014 il fatturato derivante da attività illecite legate all’ambiente e al territorio ha toccato i 22 miliardi di euro, riportando un incremento di sette miliardi rispetto al 2013.
In particolare, i reati accertati grazie all’attività di controllo e contrasto alle ecomafie sono stati 29.239: circa 80 al giorno o, se vogliamo, quattro ogni ora. Un netto aumento, pari al 26%, è stato riscontrato per i reati legati al settore dei rifiuti e importante, anche se più contenuto, è stato quello dei reati legati al settore del cemento (+4,3%).
Notevoli anche i numeri dei reati in ambito agroalimentare: sono stati 7.985 gli illeciti scoperti nel corso dei dodici mesi scorsi, per un totale di 4,3 miliardi di euro, quasi un quarto del giro d’affari totale. Senza contare poi il racket degli animali che ha riguardato 7.846 reati.
Oltre la metà dei reati registrati ha riguardato le quattro regioni con la più alta presenza di mafie: la Puglia, la Sicilia, la Calabria e la Campania. Solo in queste quattro regioni sono scattate 12.732 denunce, 5.127 sequestri e ben 71 arresti. E’ la Puglia, nell’ultima edizione del Rapporto, a indossare la maglia nera per il numero di infrazioni ambientali. Legambiente ne ha registrate 4.499, il 15% di tutte quelle accertate a livello nazionale. Le denunce nella regione meridionale sono state 4.159 mentre 2.469 sono stati i sequestri. Stupisce però il fatto che le manette siano scattate ai polsi di sole cinque persone.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia