Ma i consumi sono ancora deboli | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ma i consumi sono ancora deboli

saldi_estiviL’auspicio è che i saldi estivi possano contribuire all’inversione di tendenza, perché il miglioramento fin qui è stato lieve. Non abbastanza, almeno, per parlare di una vera e propria ripresa dei consumi, nonostante la risalita di alcuni indicatori fondamentali a conferma di un’economia che si è rimessa in marcia.
Naturalmente il progresso c’è stato, e non è cosa da poco. Soprattutto per quanto riguarda i consumi alimentari che nei primi cinque mesi dell’anno, secondo Coldiretti, hanno registrato un incremento dell’1,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un risultato soddisfacente a fronte dei sette anni di calo cui si era assistito nel recente passato.
Certo è che la spesa alimentare rappresenti la principale voce del budget delle famiglie dopo l’abitazione con un importo complessivo di 215 miliardi, ad ogni modo la crescita del potere d’acquisto (+0,8% sull’anno nel periodo gennaio-marzo, secondo l’Istat) è una notizia più che positiva in questo senso.
Per quanto riguarda la spesa delle famiglie, dati Istat alla mano, si osserva un andamento che comunque resta altalenante. La voce, infatti, è diminuita dello 0,2% rispetto al trimestre precedente, segnando tuttavia un aumento dello 0,1% su base annua.
L’attenzione ai saldi deriva dai dati di Fismo – l’associazione che riunisce le imprese di distribuzione moda Confesercenti – che evidenziano ancora il momento di difficoltà per il settore. In sintesi: l’anno in corso è perlopiù stagnante e un imprenditore su due (il 49%) non ha rilevato miglioramenti rispetto al 2014, il 26% afferma di avere riscontrato segnali di ripresa e il 24% di avere subìto un ulteriore calo.
Però un miglioramento è previsto, se non altro in riferimento alla stagione dei saldi (che quest’anno dovrebbe essere caratterizzata da sconti maggiori). Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio Roma ogni famiglia spenderà tra i 210 e i 250 euro, per un incremento del 5% rispetto ai saldi estivi 2014.
In generale, per quanto riguarda l’abbigliamento e le calzature, la spesa nel 2014 si è attestata intorno ai 100 euro al mese. Nei primi mesi del 2015 il trend è rimasto sostanzialmente il medesimo: le vendite nel comparto moda tra gennaio e aprile sono rimaste stabili per l’abbigliamento (+0,3%), mentre le calzature hanno registrato una flessione dello 0,6% (dati Istat). In più, fa notare ancora Fismo, è proseguita l’emorragia di imprese, considerando che nello stesso arco temporale hanno chiuso altri 2.600 negozi del comparto.

(articolo pubblicato il 2 luglio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia