L’impatto economico della fattura elettronica | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’impatto economico della fattura elettronica

Dal 31 marzo 2015 l'obbligo di emettere, trasmettere, gestire e conservare le fatture soltanto in formato elettronico è stato esteso a tutte le Pubbliche amministrazioni

fattura-elettronicaL’utilizzo della fattura elettronica offre molti vantaggi. Oltre ad essere uno strumento più accurato, la fattura in formato elettronico consente, ad esempio, di ridurre i costi sostenuti per il materiale cartaceo e per lo spazio occupato per l’archiviazione. Tant’è che, secondo alcune stime, la completa digitalizzazione del Ciclo Ordine-Pagamento di tutte le imprese italiane consentirebbe un risparmio notevole.
Parliamo comunque di un percorso appena intrapreso: ad oggi, soltanto una piccolissima quota delle fatture emesse ogni anno dalle imprese italiane è in formato elettronico. Negli ultimi tre mesi, tuttavia, le fatture elettroniche emesse con il servizio gratuito delle Camere di commercio hanno superato le 100 mila unità.
A servirsene, secondo i dati aggiornati al 1° luglio, sono state oltre 32 mila imprese. Soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni: il 93% delle imprese, che ha usufruito del servizio, impiega meno di 15 addetti (in un caso su tre si tratta di imprese individuali). Le aziende non sono le uniche ad utilizzare la fattura elettronica.
L’obbligo di ricevere le fatture soltanto nel formato elettronico, introdotto dal giugno 2014 per la P.a. centrale (presidenza del Consiglio, ministeri, Enti nazionali di Previdenza e assistenza sociale, agenzie fiscali…), è stato ampliato anche al resto della Pubblica amministrazione locale (Regioni, Comuni…) dal 31 marzo scorso. Così facendo, si vogliono ridurre i costi: l’utilizzo della fattura elettronica consentirà, ad esempio, un risparmio sia alla P.a. (circa 17 euro) sia alle imprese fornitrici (6 – 8,5 euro) per ogni fattura ricevuta/inviata.
E così, una volta introdotta, secondo le stime dell’Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione della School of Management del Politecnico di Milano, la fatturazione elettronica permetterà alla Pubblica amministrazione un risparmio complessivo di circa un miliardo di euro ogni anno. A cui vanno sommati altri 500 milioni di euro circa di risparmi riconducibili all’incremento della produttività delle imprese fornitrici della Pubblica amministrazione.
Digitalizzare l’intero ciclo “procure to pay” (contratto, ordine, consegna, fatturazione, pagamento) della Pubblica amministrazione con i suoi fornitori garantirebbe vantaggi ancor più significativi: lo studio stima che il risparmio complessivo potrebbe crescere fino a toccare i 6,5 miliardi di euro annui. Mentre la completa digitalizzazione del Ciclo Ordine-Pagamento di tutte le imprese attive in Italia consentirebbe un risparmio stimato in oltre 60 miliardi di euro.

(articolo pubblicato il 3 luglio su Tgcom24)

 

1 Commento per “L’impatto economico della fattura elettronica”

  1. Dal gennaio del 2017, tra l’altro, sarà possibile a tutti i privati poter usufruire (opzionalmente) del regime di fatturazione elettronica, con un risparmio ancor più notevole, come suggerito dall’autore dell’articolo stesso.

Scrivi una replica

News

Medio Oriente, Pence: “Ambasciata Stati Uniti a Gerusalemme entro il 2019”

L’ambasciata statunitense sarà trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme entro il 2019. Lo ha annunciato il vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, durante un…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Berlusconi: “Rispetteremo la regola del 3%”

“La regola del 3% può essere discutibile, ma intendiamo rispettarla”. Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervenendo nel corso della sua…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il Fmi ha alzato le stime di crescita per l’Italia per il 2017 e il 2018

Il Fondo monetario internazionale ha alzato le stime sulla crescita dell’Italia. Nell’aggiornamento del suo World Economic Outlook – il rapporto è stato presentato a margine…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maroni: “Ci sono opinioni diverse ma la Lega non è divisa”

“La Lega non è divisa, ci sono opinioni diverse e questa è la ricchezza del partito”. Così il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia