Cosa prevede l’accordo sulla Grecia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cosa prevede l’accordo sulla Grecia

merkel_tsiprasL’accordo che la Grecia e i partner europei sono riusciti ad ottenere dopo un’estenuante trattativa di oltre 17 ore (giorni, sarebbe meglio dire) prevede una serie di concessioni da una parte e dall’altra che ad ogni modo permetteranno ad Atene di scongiurare un imminente default e la tanto paventata “Grexit” o sospensione dall’Eurozona. A breve l’Eurogruppo – che riunisce i ministri delle finanze dei paesi che adottano la moneta unica – dovrà discutere di un prestito ponte di sette miliardi di euro entro il 20 luglio e di altri cinque miliardi entro metà agosto, mentre la Grecia si impegna a creare un fondo di garanzia da 50 miliardi. E lo farà in casa, non in Lussemburgo come inizialmente avrebbe voluto la Germania. L’Eurogruppo, inoltre, sarà disponibile a rinegoziare il debito, ma un taglio nominale dello stesso debito – viene precisato nel testo conclusivo dell’accordo di Bruxelles – è un’ipotesi da non prendere in nessuna considerazione.
In questi giorni tanto si è dibattuto su quali (e quante) concessioni il governo guidato da Alexis Tsipras – fresco “vincitore” della recente campagna referendaria che rifiutava la precedente proposta di aiuti della Commissione europea – avrebbe ceduto al cospetto degli interlocutori. L’ex ministro Yanis Varoufakis ha già parlato, in questo senso, di una resa, ad ogni modo Atene dovrà approvare una serie di misure entro il 15 luglio, cioè mercoledì. Il Parlamento tedesco si esprimerà sul piano di aiuti alla Grecia probabilmente venerdì (in attesa, dunque, di vedere le prime mosse dell’esecutivo greco). Dunque i partner europei si aspettano che la Grecia modifichi l’Iva (l’intenzione è aumentare i ricavi tramite le imposte), una riforma del sistema pensionistico (le baby-pensioni sono state quelle più bersagliate nei giorni che hanno anticipato l’accordo), l’indipendenza dell’ente statistico nazionale Elstat e il rispetto totale del Fiscal compact. In più è stata richiesta la creazione di un’agenzia indipendente per la riscossione delle tasse e la lotta all’evasione fiscale, ulteriori tagli alla spesa pubblica e – entro il 22 luglio – la riforma del Codice di procedura civile, per ridurre i costi della giustizia e accelerare i processi nonché l’adozione delle regole europee sul sistema bancario. Più a lungo termine la Grecia dovrà rimettere mano al mercato del lavoro e mercato energetico. Il fondo di garanzia da 50 miliardi, invece, dovrà essere perlopiù sostenuto da un massiccio programma di privatizzazioni. Dei 50 miliardi previsti, 25 serviranno per riparare i debiti e ricapitalizzare le banche greche, 12,5 miliardi per ridurre il debito, 12,5 miliardi da destinare agli investimenti e alla crescita. In sostanza i negoziati veri e propri con le istituzioni internazionali (Bce, Fmi, Commissione europea) proseguiranno se la Grecia farà fede agli impegni presi. Un compromesso che, nel suo insieme, peserà per circa 82-86 miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «Confindustria fa terrorismo psicologico»

«Confindustria oggi dice che con il Decreto Dignità ci saranno meno posti di lavoro. Sono gli stessi che gridavano alla catastrofe se avesse vinto il…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rai, Alberto Barachini eletto presidente della Commissione di Vigilanza

Alberto Barachini (Forza Italia) è stato eletto presidente della Commissione di Vigilanza Rai, con 22 voti alla terza votazione. Mentre Antonello Giacomelli (Partito democratico) e…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, multa record da 4,3 miliardi di euro a Google per Android

La Commissione europea ha inflitto una multa da 4,3 miliardi di euro a Google, la più alta mai comminata. Bruxelles ha punito il colosso statunitense…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dl Dignità, Confindustria: «Effetti su occupazione peggiori di quelli stimati da relazione tecnica»

Alcune delle misure contenute nel decreto Dignità rischiano di avere effetti sull’occupazione ancora più negativi di quelli stimati nella relazione tecnica sulla base delle stime…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia