Cresce il numero delle start-up | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce il numero delle start-up

Secondo quanto prevede il Garante delle Micro Piccole e Medie imprese, nel 2016 potrebbero arrivare a superare le 7.200 unità

start_up_grandeIl numero delle start-up innovative attive in Italia è in continua crescita. Si tratta di una buona notizia per il sistema Paese. Sviluppando, producendo e commercializzando prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico, le start-up offrono un contributo importante all’economia italiana.
Ad esempio, secondo i dati ufficiali delle Camere di Commercio aggiornati al 6 luglio, il numero di start-up innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle imprese era pari a 4.249: 1.070 unità in più rispetto alla fine di dicembre 2014. Una crescita ampiamente in linea con le previsioni del Garante delle Micro Piccole e Medie imprese diffuse a febbraio, secondo cui le start-up innovative potrebbero superare quota 7.200 nel 2016.
Cosa intendiamo per start-up innovativa? Oltre a puntare allo sviluppo, alla produzione e alla commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico, un’impresa per essere considerata una start-up innovativa deve (necessariamente) rispondere a dei requisiti stabiliti con il decreto Crescita 2.0. Deve essere costituita da meno di quattro anni, avere una sede in Italia (la Lombardia è la regione che ne ospita il numero maggiore: 924) e fatturare meno di 5 milioni di euro. Una start–up deve rispettare anche i requisiti di non distribuzione degli utili e destinare almeno il 15% del fatturato complessivo ad attività di ricerca e sviluppo.
Altrimenti esistono altre due possibilità: una riguarda la composizione della forza lavoro (un terzo del personale deve essere costituito da dottorandi, dottori di ricerca o ricercatori, oppure due terzi dei soci – o dei collaboratori – devono essere in possesso di una laurea magistrale), l’altra la titolarità di un brevetto.
In quali settori operano, le start-up innovative italiane? La maggior parte – il 73%, secondo una rilevazione di Unioncamere, basata sulle 3.850 start-up registrate a fine aprile – fornisce servizi alle imprese (produzione software e consulenza informatica, attività di ricerca e sviluppo, servizi d’informazione…), il 18,2% è attiva nel comparto manifatturiero-industriale (fabbricazione di computer e prodotti elettronici ed ottici, macchinari, apparecchiature elettriche…), il 4% nel commercio. Mentre la presenza di start-up innovative nel turismo e nell’agricoltura è ancora “trascurabile”, osserva Unioncamere.
Eppure favorirne una maggiore diffusione sarebbe quantomeno opportuno: ad esempio, le start-up dimostrano una spiccata propensione agli investimenti. Come dimostrato da un’indagine condotta da Unioncamere, nell’ambito del Sistema informativo Excelsior, in collaborazione del ministero del Lavoro e con il coinvolgimento di 630 start-up innovative. Durante la rilevazione, infatti, l’88% del campione ha ammesso l’intenzione di effettuare investimenti nel corso del 2015.

(articolo pubblicato il 10 luglio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia