Esportazioni in crescita dell’1,5% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Esportazioni in crescita dell’1,5%

export2Rispetto al mese precedente, a maggio 2015, il valore delle esportazioni è in crescita (+1,5%), mentre per le importazioni si rileva una lieve flessione (-0,3%).
La crescita congiunturale dell’export è trainata dall’incremento delle vendite verso i mercati Ue (+2,5%), mentre quello verso i mercati extra Ue (+0,4%) è contenuto. Al netto della forte crescita dei prodotti energetici (+28,4%), l’aumento complessivo delle esportazioni si ridimensiona a +0,6%, con i soli beni di consumo in espansione (+2,2%).
La lieve flessione dell’import, rispetto al mese precedente, è la sintesi di una crescita degli acquisti dai paesi Ue (+0,8%) e di una diminuzione di quelli dai paesi extra Ue (-1,9%). La riduzione degli acquisti di prodotti energetici (-5,3%) è particolarmente rilevante. Al netto dei prodotti energetici le importazioni aumentano lievemente (+0,5%).
Nel trimestre marzo-maggio 2015, la positiva dinamica congiunturale dell’export (+2,7%) è determinata sia dall’area extra Ue (+3,2%) sia da quella Ue (+2,3%). I prodotti energetici (+20,4%) e i beni di consumo durevoli (+4,3%) registrano una rilevante espansione.
A maggio 2015, la crescita tendenziale delle esportazioni (+2,0%) è principalmente determinata dalle vendite verso l’area Ue (+3,5%). I valori medi unitari (+3,4%) sono in aumento, mentre i volumi (-1,3%) sono in diminuzione.
Nello stesso mese, il lieve incremento tendenziale dell’import (+0,5%) è determinato dalla crescita degli acquisti dall’area Ue (+3,3%).
La crescita tendenziale per entrambi i flussi, corretta per i giorni lavorativi (20 a maggio 2015 rispetto ai 21 di maggio 2014), è pari a +6,0% per l’export e +3,5% per l’import.
A maggio 2015, l’avanzo commerciale è di 4,2 miliardi (+3,6 miliardi a maggio 2014). Al netto dell’energia, la bilancia risulta positiva per 6,8 miliardi. Nei primi cinque mesi l’attivo raggiunge i 15,7 miliardi.
A maggio 2015, la crescita tendenziale dell’export è particolarmente sostenuta per Belgio (+14,8%), Spagna (+13,4%) e Regno Unito (+10,8%), mentre una forte flessione si registra per la Russia (-30,6%). In marcata crescita le vendite di autoveicoli (+47,5%).
Gli acquisti da Stati Uniti (+19,2%), Belgio (+16,0%) e paesi ASEAN (+14,7%) e quelli di articoli sportivi, giochi, strumenti musicali, preziosi e strumenti medici (+22,4%) e di mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+19,7%) sono in rilevante espansione.

I prodotti
A maggio 2015, la crescita congiunturale dell’export (+1,5%) è determinata dall’aumento delle vendite di prodotti energetici (+28,4%), beni di consumo non durevoli (+2,0%) e beni di consumo durevoli (+3,0%). La flessione congiunturale dell’import (-0,3%) è dovuta alla diminuzione degli acquisti di prodotti energetici (-5,3%) e di beni strumentali (-0,9%).
L’incremento tendenziale delle esportazioni (+2,0%) è determinato da tutte le tipologie di prodotti a eccezione dei beni strumentali (-1,3%); l’incremento delle vendite di prodotti energetici (+16,9%) è particolarmente accentuato. Gli acquisti di beni di consumo durevoli (+14,9%), di beni strumentali (+9,5%) e di prodotti intermedi (+4,9%) fanno registrare un forte incremento tendenziale.
A maggio 2015 il saldo commerciale è positivo (+4,2 miliardi), in aumento rispetto a maggio 2014 (+3,6 miliardi). La bilancia commerciale, al netto dei prodotti energetici, è attiva per 6,8 miliardi.
Nel mese di maggio 2015 l’aumento tendenziale delle esportazioni ha riguardato, in modo particolare, le vendite di autoveicoli (+47,5%), prodotti petroliferi raffinati (+15,6%) e articoli sportivi, giochi, strumenti musicali, preziosi, strumenti medici e altri prodotti n.c.a. (+13,0%).
Dal lato delle importazioni, gli acquisti di articoli sportivi, giochi, strumenti musicali, preziosi, strumenti medici e altri prodotti n.c.a. (+22,4%), di mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+19,7%) e di apparecchi elettrici (+11,0%) sono in rilevante espansione.
Nel mese di maggio 2015 i saldi positivi più ampi si rilevano per macchinari e apparecchi n.c.a., mezzi di trasporto, esclusi autoveicoli e articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili. I saldi negativi più consistenti riguardano minerali energetici (petrolio greggio e gas naturale) e computer, apparecchi elettronici e ottici.

I paesi
Nel mese di maggio 2015, l’aumento delle esportazioni in termini congiunturali (+1,5%) è principalmente determinato dalla crescita delle vendite verso i mercati Ue (+2,5%). Per le importazioni, la flessione congiunturale (-0,3%) è la sintesi della crescita degli acquisti dai paesi Ue (+0,8%) e di una diminuzione dai paesi extra Ue (-1,9%). Nel trimestre marzo-maggio 2015, rispetto al trimestre precedente, la positiva dinamica congiunturale dell’export (+2,7%) è determinata sia dall’area extra Ue (+3,2%) sia da quella Ue (+2,3%). Anche la crescita dell’import (+5,1%) nello stesso periodo è da ascrivere sia all’area extra Ue (+7,1%) sia all’area Ue (+3,6%).
La crescita tendenziale delle esportazioni (+2,0%) è molto sostenuta verso Belgio (+14,8%), Spagna (+13,4%), Regno Unito (+10,8%), Repubblica ceca (+10,0%) e Turchia (+9,4%).
L’incremento dell’import (+0,5%) risente della forte crescita degli acquisti da Stati Uniti (+19,2%) e Belgio (+16,0%). A maggio 2015 la bilancia commerciale è attiva nei confronti di Stati Uniti, Regno Unito, Francia, paesi EDA e Svizzera. I principali saldi negativi riguardano Cina, Russia, Paesi Bassi, Germania e Belgio.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Corea del Nord: “Gli Stati Uniti hanno dichiarato guerra al nostro Paese”

Le ultime affermazioni del presidente statunitense, Donald J.Trump, sono “una chiara dichiarazione di guerra” alla Corea del Nord. Lo ha detto il ministro degli Esteri…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Gentiloni: “Merkel continuerà nell’impegno europeista”

“L’Europa ha bisogno di essere rilanciata: ho visto i risultati delle elezioni tedesche e non mi sfuggono difficoltà e preoccupazioni anche se confido che la…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Draghi: “Le ultime informazioni indicano uno slancio continuato”

“L’economia della zona euro ha goduto di 17 trimestri consecutivi di crescita”. Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, nell’intervento preparato…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Merkel: “Sono ottimista: riusciremo a formare un governo”

“Io sono ottimista, come lo ero prima, sul fatto che troveremo una soluzione”. Lo ha detto Angela Merkel, replicando, nel corso di una conferenza stampa…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia