Cresce il mercato dei videogiochi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce il mercato dei videogiochi

di Ettore Bussi

videogiochiSecondo il bilancio pubblicato da AESVI, l’Associazione che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia, il mercato dei videogiochi si mostra in grande salute. Infatti dopo aver concluso il 2014 con un’entrata di quasi 900 milioni di euro, ha iniziato il 2015 con un trend positivo, registrando un aumento del 3,8% a fine maggio 2015. Le maggiori vendite nei primi cinque mesi del 2015 vengono dalle vendite dei “segmenti dell’hardware (+1,2%) e degli accessori (+6,8%), insieme al software digitale (+20%). In lieve flessione il software pacchettizzato per console (-2,9%), che continua ad essere il segmento più importante del mercato, mentre subisce un calo più rilevante il software pacchettizzato per PC (-14,3%)”. Il software, con un fatturato di 346,5 milioni di euro, rappresenta il 39% del mercato dei videogiochi nel 2014, rimanendo così il protagonista del mercato. Il software digitale, con un fatturato di 180 milioni di euro, è cresciuto notevolmente arrivando così al 20% del mercato totale. Per quanto riguarda la vendita dei videogiochi, il videogames più venduto in Italia è stato Fifa 15, mentre i generi più apprezzati sono quelli di azione (39,9%), sport (17,2%) e avventura (14,5%). Il 2014 ha visto la conferma di grandi classici come Gran Theft Auto, Call of Duty, Just Dance, Minecraft, Assassin’s Creed, Far Cry, Pro Evolution Soccer, Battlefield, Gran Turismo, The Last Of Us, Skylanders, Pokemon e l’entrata di nuovi titoli come Watch Dogs, Destiny e Tomodachi Life, che non hanno tardato a imporsi sul mercato.
L’hardware è arrivato a toccare i 276,3 milioni di euro di fatturato nel 2014, rappresentando così il 31% del mercato, grazie alla vendita di consolle di ottava generazione come Playstation 4, Xbox One e WiiU. Anche nel 2015 il mercato delle consolle sta confermando la sua dinamicità, a maggio 2015, infatti, si è registrato un aumento dell’1,2% rispetto allo stesso mese del 2014.
L’ottava generazione di consolle, disponendo di una vasta scelta di accessori, ha trainato anche quest’ultimo segmento: nel 2014 gli accessori hanno rappresentato il 10% del mercato, con un fatturato di 90,5 milioni di euro, con un aumento del 6,8% nei primi cinque mesi del 2015 sullo stesso periodo dell’anno precedente. L’accessorio più venduto è “Toys to life” che permette di trasportare giocattoli fisici all’interno del videogioco attraverso una speciale tecnologia.
Continua a crescere il numero di videogiocatori: nel 2011 in Italia erano, infatti, circa 22,2 milioni, nel 2015 il numero è salito a quota 29,3 milioni. Dal 2011 al 2015 il videogioco ha visto aumentare gli appassionati di sesso femminile e di età più adulta. Nel 2011 i videogiocatori di sesso maschile erano il 55% contro il 51% di oggi, mentre le videogiocatrici erano il 45% contro il 49% del 2015. Il numero maggiore di videogiocatori ha tra i 35 e i 44 anni (24% del totale), a seguire quelli di età compresa tra i 45 e i 54 anni di età (20%).

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia