L’Impatto economico dell’industria del farmaco | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Impatto economico dell’industria del farmaco

Con 390 mila euro per addetto è il più produttivo tra i settori manifatturieri italiani

farmaci-1024x685Sono molti i settori industriali che rendono competitivo il nostro Paese, tra questi c’è anche quello del farmaco che rappresenta, per dirlo con le parole della Fondazione Symbola, “una delle punte più avanzate e qualificate della nostra tradizione manifatturiera”.
Secondo lo studio Le verità sulla competitività italiana – Focus sull’industria Farmaceurica, redatto da Fondazione Symbola, Fondazione Edison e Farmindustria, con 28,7 miliardi di euro, l’industria italiana del farmaco genera il 15,5% dell’intera produzione europea, piazzandosi alle spalle solo della Germania con il 16,5%. Più esigue le quote detenute da Francia 10,9%; Regno Unito, con il 9,7%, e Spagna, 7,6%.
Il nostro Paese è invece leader mondiale per la crescita dell’export farmaceutico tra il 2010 ed il 2014. Mentre la Svizzera, al secondo posto, ha riportato una crescita delle esportazioni di questo settore pari a 8 miliardi di dollari, la Germania (terza) pari a 7,9 miliardi, le nostre esportazioni sono cresciute di 8,1 miliardi di dollari. Danimarca, India e Cina si piazzano invece al di sotto del podio con, rispettivamente, 6,9 miliardi, 5,6 miliardi e 1,6 miliardi.
Non solo, il settore dell’industria farmaceutica italiana è anche al secondo posto in Europa, dopo la Germania, per il numero di imprese innovative. L’89,5% delle nostre imprese operanti nel settore ha infatti introdotto innovazioni di processo, di prodotto o di altra natura, ovvero quasi nove imprese su dieci. La percentuale della Germania, che occupa appunto il vertice della classifica, è pari al 92%, mentre il Regno Unito (al terzo posto) registra un 89,4%. A distanza si piazzano invece Francia e Spagna, rispettivamente con l’83,5% e l’81,6% di imprese innovative. La media Ue si attesta invece all’85,2%.
Tra i settori industriali italiani, quello dell’industria del farmaco risulta essere il più produttivo con 390 mila euro per addetto, contro il 226 mila euro per addetto dell’intero settore manifatturiero. Notevole, quindi, anche il contributo dato all’economia dell’intero Paese pari a 13,7 miliardi, di cui 3,3 miliardi di euro di investimenti, sei miliardi di euro di stipendi e contributi e 4,4 miliardi di euro di imposte.

(articolo pubblicato il 16 luglio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Alitalia, Gubitosi: “La compagnia ha tanti soldi in cassa”

Alitalia “ha tanti soldi in cassa”. Lo ha detto il commissario straordinario della compagnia, Luigi Gubitosi, replicando alle domande dei parlamentari nel corso di un’audizione…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Ue: “Non annacquare le sue disposizioni principali”

“Riconosciamo che l’Italia ha fatto molti sforzi di recente per la competitività e la crescita”, ma “è cruciale” che adotti la manovra 2108 “senza annacquare…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, bocciati tutti i ricorsi presentati dalla Regione Veneto

Tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini non sono fondate. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale. I giudici hanno spiegato…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ratko Mladic condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità

Ratko Mladic – ex comandante dell’esercito serbo bosniaco – è stato condannato all’ergastolo dal Tribunale penale internazionale dell’Aja. È stato riconosciuto colpevole di genocidio e…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia