Il numero degli stranieri occupati | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il numero degli stranieri occupati

Tuttavia, negli ultimi cinque anni, il tasso di occupazione tra gli stranieri è sceso del 5,5% tra i cittadini comunitari e del 4,1% tra quelli extracomunitari

lavoratori_stranieriGli occupati di origine straniera sono aumentati nel corso del 2014. A crescere, tuttavia, è anche il numero delle persone provenienti dall’Unione europea o da Paesi extracomunitari alla ricerca di un lavoro.
Nel 2014, nel nostro Paese, ci sono stati 111 mila lavoratori stranieri occupati in più rispetto all’anno precedente. Lo rileva il quinto rapporto annuale I migranti nel mercato del lavoro in Italia del ministero del Lavoro. Secondo cui, inoltre, tra gli stranieri sono aumentati anche i disoccupati: 11 mila unità in più rispetto al 2013. Attualmente gli immigrati in cerca di un impiego sono 465.700 (139 mila Ue e 327 mila extra Ue). La quota degli occupati stranieri sul totale dei lavoratori impiegati in Italia rimane così stabile attorno al 10,3%. Una percentuale analoga a quella delle imprese individuali costituite da persone provenienti da Paesi extracomunitari.
La crescita, registrata da Unioncamere sulla base dei dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio relativi al 2014, ha consentito alle imprese individuali dei cittadini extracomunitari di raggiungere le 335 mila unità (+7% rispetto all’anno precedente) e di superare il 10% del totale delle imprese individuali italiane, pari a 3,2 milioni.
In alcuni settori, secondo il ministero del Lavoro, i lavoratori stranieri – comunitari ed extracomunitari – hanno garantito la tenuta dell’occupazione nell’ultimo biennio. Specialmente nel commercio, dove si rileva una crescita dell’occupazione extra Ue (+9%) contro un calo della componente italiana (-2,4%), e nell’agricoltura. In altri comparti, invece, l’impatto della crisi economica è stato talmente duro da non risparmiare nessuno. Come nelle costruzioni, ad esempio.
La riduzione delle compravendite immobiliari, in atto dal 2010 ad oggi, ha avuto ripercussioni (negative) sull’attività delle imprese attive nell’edilizia. Alcune delle quali sono state costrette a chiudere i battenti o a licenziare parte del personale assunto in precedenza. Lo scorso anno, spiega il rapporto del ministero del Lavoro, a farne le spese sono stati tanto i lavoratori italiani (-2,3% rispetto al 2013) quanto quelli di origine comunitaria (-2,4%) ed extracomunitaria (-19,6%).

(articolo pubblicato il 16 aprile su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia