Cresce l’imposizione fiscale sugli autoveicoli | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce l’imposizione fiscale sugli autoveicoli

autoQuanto certificato dall’Acea (a giugno, nei Paesi Efta – Islanda, Norvegia, Svizzera – e nell’Unione europea, le immatricolazioni di nuove automobili sono cresciute del 14,8% su base annua) è certamente una notizia positiva. Negli ultimi anni, del resto, l’industria automobilistica ha vissuto momenti difficili e – nonostante i buoni risultati certificati periodicamente dall’Acea: quello registrato a giugno, ad esempio, è il 22 esimo aumento mensile consecutivo – le immatricolazioni sono ancora lontane dai livelli precedenti alla crisi economica.
In Italia, ad esempio, nel 2013 il numero dei veicoli immatricolati ha toccato il livello più basso dal 1978. Dunque occorre incentivare la crescita del settore. Come? Tagliando la crescente imposizione fiscale, suggerisce l’Associazione nazionale filiera industria automobilistica (Anfia). Secondo cui, nel corso del 2014, la tassazione complessiva gravante sui veicoli circolanti in Italia ha raggiunto i 71,6 miliardi di euro: l’1,7% in più rispetto all’anno precedente.
Stando alle stime dell’Anfia, infatti, è aumentato tanto il gettito derivante dall’utilizzo dell’autoveicolo (accise sui carburanti, i pedaggi autostradali, l’Iva relativa all’acquisto di ricambi, accessori e pneumatici…), passato da 51,18 miliardi ai 58,67 miliardi del 2014, quanto quello dovuto al suo possesso – il bollo auto, per dirla altrimenti –, cresciuto fino a 6,10 miliardi di euro (430 milioni in più rispetto al 2009).
A diminuire, semmai, sono stati gli introiti derivanti dall’acquisto degli autoveicoli (l’Iva e l’Imposta provinciale di Trascrizione), scesi da 9,48 miliardi ai 6,83 miliardi del 2014. Quando – complice l’aumento delle immatricolazioni – questa voce è tornata a crescere del 3,2% rispetto al 2013, ponendo fine a sei anni consecutivi di cali.
E così, lo scorso anno, la percentuale del gettito fiscale derivante dal comparto automobilistico sul Prodotto interno lordo (Pil) italiano è stata pari al 4,5%: un primato tra i maggiori Paesi europei. Nei quattro principali mercati del vecchio Continente (Francia, Germania, Regno Unito e Spagna) la media è del 3,4%, osserva l’Associazione nazionale filiera industria automobilistica.

(articolo pubblicato il 17 luglio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, sparatoria in una scuola del Kentucky: un morto

Una sparatoria in una scuola del Kentucky, ha provocato un morto e diversi feriti. L’autore è stato arrestato e la situazione al momento è sotto…

23 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Padoan: “Colleghi dell’Ecofin preoccupati per l’elezioni in Italia”

“I colleghi dell’Ecofin sono al corrente che è previsto uno scenario d’incertezza nelle elezioni italiane, e siccome associano questo al fatto che in quattro anni…

23 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Assogestioni: “La raccolta del 2017 vicina ai 100 miliardi”

Stando ai dati riportati da Assogestioni “a dicembre la raccolta netta del comparto del risparmio gestito è stata positiva per 2,3 miliardi di euro portando…

23 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ocse a Italia: “Su riforme niente passi indietro”

“La storia non si può riscrivere”. Lo ha detto il segretario generale dell’Ocse, Angel Gurrìa, che fa il punto sull’Italia a poche settimane dal voto…

23 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia