Il lavoro e il disagio sociale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il lavoro e il disagio sociale

lavoro_impreseSono oltre quattro milioni le persone che in Italia vivono in condizioni di povertà assoluta, ovvero quella condizione in cui non si riesce a soddisfare appieno il bisogno di beni e servizi considerati essenziali per conseguire uno standard di vita minimamente accettabile.
Il dato, come spiegato dall’Istat quando ha diffuso pochi giorni fa il report sulla povertà in Italia che fa riferimento al 2014, è in linea con quello dell’anno precedente, dunque l’incidenza della povertà assoluta si mantiene stabile dopo due anni di aumento. Allo stesso modo la povertà relativa – che interessa il 10,3% delle famiglie e il 12,9% delle persone residenti, per un totale di 2 milioni 654 mila famiglie e 7 milioni 815 mila persone – risulta stabile nel 2014.
Per quanto i numeri siano ancora elevati e, quindi, poco incoraggianti, un aspetto positivo c’è. Nel complesso, la dinamica del 2014, interrompe una tendenza negativa. L’incidenza della povertà assoluta in Italia, infatti, era cresciuta dal 3,5% del 2007 – periodo pre-crisi – al 6,3% del 2013. Il calo al 5,7% del 2014 si riflette anche nella ripartizione territoriale: al Nord la povertà assoluta diminuisce dal 4,4% al 4,2% tra il 2013 e il 2014, al Centro dal 4,9 al 4,8% e nel Mezzogiorno dal 10,1% all’8,6%.
Insomma, un miglioramento del contesto socio-economico del paese non si può negare. Anche se il disagio è sempre evidente. L’indice elaborato da Confcommercio sul disagio sociale – il Misery Index – è cresciuto a maggio a 20,7 punti dai 20,4 punti di aprile. Ciò è avvenuto a causa di alcuni effetti combinati. Ad esempio la modesta diminuzione dei disoccupati ufficiali e del numero di persone in Cig con l’aumento degli scoraggiati che ha determinato un contenuto aumento del tasso di disoccupazione esteso – quello che, per l’appunto, include anche le persone in Cig e gli scoraggiati –, salito al 16,2%.
Il disagio sociale è il risultato di diverse variabili, dalla crisi occupazionale alla mancanza di reddito, dalle difficoltà ad accedere a servizi di base all’assenza di tutele. Anche la precarietà ha un ruolo fondamentale in questo senso e il deterioramento del mercato del lavoro osservato negli ultimi anni non solo ha provocato una riduzione del numero di occupati, ma ha anche impedito ai lavoratori precari di ottenere contratti più stabili e sicuri.
Tuttavia l’area del disagio sociale, misurata di recente dal centro studi Unimpresa sulla base dei dati Istat, ha registrato un lieve miglioramento nel primo trimestre 2015: una diminuzione dello 0,8% dal 2014. In cifre 9,2 milioni di persone vivono in condizioni di disagio sociale, 71 mila in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Analizzando il mercato del lavoro il centro studi Unimpresa osserva che 3,3 milioni di persone sono disoccupate, poi ci sono coloro che hanno contratti di lavoro a termine, part time (672 mila) e non (1,47 milioni). I lavoratori autonomi part time sono 834 mila, i collaboratori 373 mila e i contratti a tempo indeterminato part time oltre 2,5 milioni. In definitiva sono aumentati gli occupati in difficoltà, una platea di lavoratori instabili o a retribuzioni contenute piuttosto ampia.

(articolo pubblicato il 17 luglio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Migranti, Juncker a Conte: «L’Ue non ha competenza per determinare il porto sicuro»

«L’Italia invoca da tempo, e a ragione, una cooperazione regionale sugli sbarchi». Lo ha scritto il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, nella lettera inviata…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fraccaro: «Abolita tassa sulla raccolta firme per i referendum, iniziative popolari e petizioni»

«Ho deciso di abolire la “tassa sulla democrazia”. Ho voluto che il mio primo atto ufficiale da ministro fosse quello di cancellare l’imposta di bollo…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Di Maio: «Mai chieste le dimissioni del ministro Tria»

«Mai chieste assolutamente le dimissioni di Tria» da ministro dell’Economia. Lo ha detto il vice premier Luigi Di Maio, replicando a chi, tra i cronisti…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, al-Sarraj: «Contrari alla costruzione di campi d’accoglienza Ue in Libia»

La Libia è «assolutamente contraria» all’ipotesi Ue di costruire nel Paese campi di accoglienza per i migranti illegali che l’UE non intende ospitare. Lo ha…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia