L’industria metalmeccanica al tempo della crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’industria metalmeccanica al tempo della crisi

industriaLo stato di salute dell’industria metalmeccanica italiana non è lontano da quello di un Paese appena uscito dalla guerra. Una considerazione dura ma che, secondo il Presidente di Federmeccanica, Fabio Storchi, descrive a pieno la situazione attuale, a otto anni dall’inizio della crisi, di un settore fondamentale per la nostra economia.
Dal 2007 ad oggi la produzione del settore è scesa del 30% comportando una perdita di posti di lavoro pari a 250mila unità. Inoltre, le esportazioni, che da sole valgono quasi la metà del fatturato settoriale, nel corso della crisi economica sono cresciute solo di 2,2 punti percentuali, contro il +40% realizzato nel complesso dal commercio mondiale.
Eppure stiamo parlando di un’industria il cui valore aggiunto, nel 2014, ha rappresentato il 45,5% di quello totale del manifatturiero e il 7,1% dell’intera economia. Non solo, l’occupazione del settore metalmeccanico equivale al 6% dell’occupazione totale del Paese a al 41,3% di quella dell’intera industria manifatturiera. Sono 1,7 milioni gli addetti impiegati nel settore producendo ricchezza (in termini di valore aggiunto) per 100 miliardi di euro.
Anche il peso sul commercio estero è notevole, stando ai dati dell’Istat, le vendite verso altri Paesi sono pari al 48,1% delle esportazioni totali italiane. Pari invece al 36% il peso delle importazioni. Il settore esporta beni per 191 miliardi di euro, appunto quasi la metà del fatturato settoriale e vanta una bilancia commerciale in attivo per 65 miliardi di euro, compensando il deficit di altri settori (come quello agroalimentare o quello energetico).
Ma il settore della metalmeccanica non è solo rilevante dal punto di vista quantitativo, ma anche da quello strategico. Produce, infatti la totalità dei beni d’investimento in macchine e attrezzature, consentendo lo sviluppo di tecnologie utilizzate in tutti i settori dell’economia italiana. L’intera produzione metalmeccanica è costituita per quasi due terzi da beni d’investimento (il 60%), per un terzo (il 36%) da beni intermedi e per una quota più piccola (il restante 4%) da beni di consumo, nella maggior parte durevoli.

(articolo pubblicato il 17 luglio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia