Crescono gli investimenti in R&S | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crescono gli investimenti in R&S

università_ricercaSecondo gli ultimi dati disponibili, resi noti dal Rapporto Bes 2015 (sul Benessere equo sostenibile in Italia), redatto dall’Istat, nel 2013 la spesa italiana in Ricerca e Sviluppo è cresciuta del 2,3% rispetto all’anno precedente arrivando a toccare i 21 miliardi di euro. Buoni risultati ma che ancora non sono sufficienti per il target nazionale stabilito dalla strategia Europa 2020.
Secondo la strategia europea tutti i Paesi membri devono contribuire ad innalzare gli investimenti in ricerca e sviluppo al 3% del prodotto interno lordo dell’Ue. Il target stabilito per l’Italia è di una spesa in R&S pari all’1,5% del Pil, entro appunto il 2020. Secondo le ultime rilevazioni la spesa italiana in rapporto al Pil è passata dall’1,27% del 2012 al 1,31%.
Osservando le tabelle dell’Eurostat, elaborate dall’Istituto nazionale di statistica per il Rapporto Bes, salta subito all’occhio il gap tra il nostro Paese, non solo con i Paesi più virtuosi, ma anche con la media europea. Nella graduatoria l’Italia si piazza, infatti, tra i Paesi che investono meno in questo senso, fermandosi al 16 esimo posto, subito dietro l’Ungheria e il Portogallo. Rispetto alla media europea il gap del rapporto della spesa sul Pil dell’Italia è inferiore di circa 0,7 punti percentuali.
Il contributo maggiore alla spesa italiana arriva dal settore privato (che comprende le imprese e le istituzioni non profit). Gli investimenti in Ricerca e Sviluppo da parte delle imprese sono infatti aumentati del 3,4% rispetto al 2012, raggiungendo i 12,1 miliardi di euro, con un conseguente aumento del peso della spesa del settore privato su quella totale: dal 57,1% si è passati al 57,7% nel 2013. Il particolare la spesa delle imprese rappresenta il 54,7% della spesa totale.
Il settore privato, spiega poi l’Istat, si conferma principale contributore anche in termini di finanziamento della spesa: con circa 10 miliardi di euro si ritaglia una quota del 47,9%. Superiore, dunque, a quella del settore pubblico: 41,4% e pari a 8,7 miliardi di euro. Notevole poi il peso dei finanziatori esteri che – sotto forma di università, imprese o istituzioni pubbliche -, in Italia, contribuiscono per il 9,5% alla spesa totale in Ricerca e Sviluppo.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia