Segnali di miglioramento per i consumi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Segnali di miglioramento per i consumi

consumi2A Natale i consumi dovrebbero tornare a crescere – l’Ufficio Studi Confcommercio prevede che saranno spesi 10 miliardi, pari al 5% in più rispetto allo scorso anno –, in linea con ciò che è accaduto negli ultimi mesi.
Nel 2014, con la complicità dell’incremento del reddito disponibile certificato di recente dall’Istat, la spesa per i consumi finali è cresciuta, seppure “in misura più limitata” a causa del leggero aumento della propensione al risparmio tra le famiglie italiane.
Quanto registrato ultimamente – il lieve aumento dei consumi, della spesa finale e della propensione al risparmio – rappresenta una prima inversione di tendenza rispetto al passato, segnato da difficoltà ed incertezze che hanno costretto gli italiani ad alcune rinunce. Dopo aver compensato il calo del reddito disponibile (-0,9%) registrato tra il 2007 e il 2012 attraverso l’utilizzo dei risparmi, dal 2011 in poi gli italiani sono stati costretti a modificare le proprie abitudini d’acquisto, riducendo alcune spese considerate superflue (abbigliamento e le calzature, mobili, attività ricreative e culturali…) e rinunciando successivamente anche alle spese per la salute ed i trasporti.
In alcuni casi – si veda la spesa alimentare, l’ultima voce ad essere tagliata anche in tempi economicamente difficili –, le famiglie italiane hanno preferito ridurre la quantità e la qualità dei prodotti acquistati.
Negli ultimi mesi qualcosa è cambiato, però. I dati contenuti nel Rapporto Bes 2015: il benessere equo sostenibile in Italia dell’Istat lo certificano. Dopo un biennio particolarmente difficile, nel 2014 si sono registrati “timidi segnali di ripresa” – ad esempio, la spesa per i consumi finali è aumentata dello 0,7% – mentre le spese delle famiglie per l’abbigliamento e le calzature, i mobili, gli articoli e i servizi per la casa, le spese per la salute e l’istruzione sono tornate a crescere.
Nel 2014 l’Istat ha certificato anche qualche novità sul fronte degli acquisti alimentari (per la prima volta dall’inizio della crisi economica, sono diminuite le famiglie che hanno ridotto la quantità o la qualità degli alimenti acquistati) e non alimentari: la quota dei nuclei familiari che limitano l’acquisto di carburanti è scesa, anche grazie alla diminuzione dei prezzi finali, su cui (naturalmente) le accise incidono ancora in modo notevole.

 

Scrivi una replica

News

Ue, Amsterdam avrà la nuova sede dell’Agenzia europea del farmaco

Amsterdam sarà la futura sede dell’Agenzia europea del farmaco (EMA). La capitale olandese è stata scelta tra una rosa di diverse candidate, tra cui Milano.…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Steinmeier: “Formare un governo al più presto”

“Tutte le controparti politiche elette al parlamento tedesco hanno l’obbligo e l’interesse comune di servire il paese”. Così il presidente della Repubblica federale tedesca, Frank-Walter…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Draghi: “L’espansione economica resta solida e ampia”

“L’espansione economica resta solida e ampia per quanto riguarda i settori e i Paesi della zona euro, sostenuta soprattutto dalla domanda interna”. Lo ha detto…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Calcio, Malagò: “Commissariare la Figc è l’unica soluzione”

“Unica soluzione, commissariare la Figc”. Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, intervenendo poco dopo le dimissioni dalla presidenza della FIGC presentate da…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia