Istat: “Nel terzo trimestre esportazioni delle regioni in calo” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Nel terzo trimestre esportazioni delle regioni in calo”

“Nel terzo trimestre del 2015 la flessione congiunturale delle vendite di beni sui mercati esteri, già rilevata a livello nazionale, risulta diffusa in tutti i territori ma è particolarmente marcata nelle regioni meridionali e insulari (-5,2%). Per le sole regioni nord-orientali si registra una dinamica stazionaria”. Lo rende noto l’Istat, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
“Da inizio anno la crescita tendenziale dell’export – prosegue la nota – rimane tuttavia sostenuta, con l’Italia meridionale (+7,9%) che consegue l’incremento più ampio delle vendite all’estero. Anche per la ripartizione nord-orientale (+5,0%) l’incremento è superiore alla media nazionale (+4,2%). Le ripartizioni centrale (+4,2%) e nord-occidentale (+3,6%) sono comunque in espansione sui mercati esteri; soltanto per le Isole si registra una contrazione (-4,4%).
Tra le regioni che forniscono un contributo rilevante alla crescita tendenziale dell’export nazionale nei primi nove mesi del 2015 si segnalano: Piemonte (+8,7%), Veneto (+5,8%), Lazio (+13,0%), Lombardia (+2,1%) ed Emilia-Romagna (+3,9%).
Per contro – osserva l’Istat – le regioni che contribuiscono negativamente alla crescita dell’export nazionale nei primi tre trimestri 2015 sono Sicilia (-9,1%), Liguria (-5,3%) e Marche (-2,7%).
L’aumento delle esportazioni di autoveicoli da Piemonte, Basilicata ed Emilia-Romagna e di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici dal Lazio spiega per quasi un terzo l’incremento dell’export nazionale nei primi nove mesi del 2015.
Nello stesso periodo, la contrazione delle vendite di prodotti petroliferi raffinati dalla Sicilia e dalla Toscana e di metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti, dalla Lombardia contribuisce a frenare l’export nazionale per oltre mezzo punto percentuale.
Da inizio anno – conclude l’Istituto nazionale di statistica – le province che contribuiscono in misura più marcata a sostenere le vendite nazionali sui mercati esteri sono Torino, Potenza, Latina, Vicenza, Treviso e Roma. Il calo delle vendite all’estero dalle province di Siracusa, Genova, Massa-Carrara, Milano, Livorno e Pavia contribuisce a rallentare la crescita dell’export nazionale”.

 

Scrivi una replica

News

Elezioni, Di Maio: “Siamo la prima forza politica in Italia”

Alle prossime elezioni politiche, in programma per il 4 marzo, ci sono due possibilità: “O un voto inutile al Pd o un voto al MoVimento…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, Lorenzin: “Alle Regionali del Lazio Civica Popolare correrà da sola”

“Andremo da soli”. Lo ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, annunciando che la sua Lista Civica si presenterà da sola alle Regionali del…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pence: “È un grande onore essere a Gerusalemme”

“È un grande onore per me essere a Gerusalemme capitale di Israele”, così il vicepresidente americano Mike Pence in occasione dell’incontro con il premier israeliano…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, Salvini: “L’Italia non ha bisogno di garanti a Bruxelles”

“L’Italia non ha bisogno di garanti, siamo una Repubblica libera e sovrana che è stata calpestata dagli interessi di Bruxelles e Berlino, quindi sono gli…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia