La presenza femminile nei Cda | T-Mag | il magazine di Tecnè

La presenza femminile nei Cda

donne_lavoro_crisi_economicaNei giorni scorsi il Consiglio europeo non ha raggiunto un’intesa sulla risoluzione, già approvata dal Parlamento europeo, secondo cui entro il 2020 le donne dovrebbero occupare almeno il 40% dei posti nei Consigli di Amministrazione delle società quotate in borsa.
Dunque all’interno delle istituzioni europee si fatica a trovare un accordo in merito – solo 15 ministri su 28 del Consiglio Ue si sono espressi a favore di una introduzione vincolante a livello europeo della proposta –, eppure consentire alle lavoratrici di ricoprire incarichi all’interno dei CdA garantirebbe alle imprese il conseguimento di risultati migliori rispetto alle loro concorrenti che si dimostrano meno attente al rispetto delle quote rosa.
Stando ai risultati di un’analisi dell’Osservatorio AUB – Unicredit – Bocconi condotto sulle aziende familiari di medie e grandi dimensioni, le imprese che già rispettano quanto previsto dalla legge sulle quote rosa, con un Consiglio di amministrazione composto quindi per il 33,3% da donne, fanno registrare performance superiori sia in termini di crescita che di redditività. Mentre uno studio condotto da Ernst&Young sulle 290 principali società quotate in borsa rileva che le imprese con almeno una donna nel CdA realizzano utili decisamente più elevati rispetto a quelle con i vertici aziendali interamente maschili.
Nonostante un mercato del lavoro caratterizzato da forti disuguaglianze di genere in termini di opportunità (il tasso di occupazione femminile è più basso rispetto a quello maschile) e di riconoscimenti (a parità di incarico, mediamente una donna percepisce una paga inferiore rispetto ad un collega uomo) in Italia la presenza femminile nei Consigli di Amministrazione è cresciuta molto negli ultimi anni, fino a toccare il 26,3% nel 2015 contro il 5,9% del 2008.
Dunque a quattro anni di distanza dall’approvazione legge Golfo-Mosca, che prevede l’assegnazione per tre mandati alle donne di un terzo dei posti disponibili nei CdA e dei collegi sindacali delle società quotate in Borsa e di quelle a partecipazione pubblica, il nostro Paese ha fatto molti passi in avanti e a beneficiarne potrebbe essere l’economia.

 

Scrivi una replica

News

Unione petrolifera: “Consumi in calo nel 2017 dell’1,6%”

“Nel 2017 i consumi petroliferi sono stati pari a 58,5 milioni di tonnellate, con un decremento dell’1,6% (-932.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2016.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sussidi disoccupazione ai minimi dal 1973

Sono calate di 41.000 unità le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana, toccando quota 220.000 e segnando i minimi dal…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: “Iva, meno burocrazia per le pmi”

“Più flessibilità e norme comuni sull’Iva per gli Stati, agevolazioni e meno burocrazia per le pmi”. È questa l’ultima misura avanzata dalla Commissione Ue nel…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Commissione europea: “In Italia ottimi progressi sugli Npl”

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è tra quelli che hanno ottenuto i risultati migliori nella riduzione della propria quota di Npl, i crediti deteriorati.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia