L’impatto delle multinazionali estere in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’impatto delle multinazionali estere in Italia

impreseSono 13.165 le multinazionali estere presenti in Italia e danno lavoro a 1,2 milioni di persone, mentre sono 22.004 quelle italiane all’estero e contano 1,8 milioni di addetti. Rispettivamente i fatturati, nel 2013, si sono attestati a 500 miliardi e a 542 miliardi di euro.
Per quanto riguarda le multinazionali estere in Italia l’Istat ha rilevato che si tratta di aziende mediamente più grandi rispetto alle controllate italiane. La dimensione media è infatti di 89,1 addetti contro i 3,5 delle imprese a controllo nazionale.
In termini di valore aggiunto generano qualcosa come 92 miliardi di euro e spendono in investimenti circa undici miliardi di euro.
Secondo quanto rilevato dall’istituto nazionale le multinazionali a guida straniera contribuiscono al settore dell’industria e dei servizi con il 7,1% degli addetti e il 16,7% del fatturato totale. Importanti anche le quote sul valore aggiunto, il 13,6%, e sugli investimenti, il 14,4%. Notevole poi l’apporto dato all’interscambio italiano. E’ legato alle multinazionali estere il 26,2% delle esportazioni e il 46,2% delle importazioni.
Guardando invece alle multinazionali italiane all’estero si nota come, al contrario di quelle estere nel nostro territorio nazionale, siano aumentate del 174% (contro il -1,2% di quelle estere in Italia). Come anticipato impiegano 1,8 milioni di addetti e hanno generato, nel 2013, 542 miliardi di euro di fatturato.
Quelle più dinamiche, secondo l’analisi dell’Istat, sono state quelle attive nella fabbricazione di computer e di prodotti di elettronica e ottica, quelle attive nel comparto apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi, che hanno registrato, nel complesso, un aumento del 29,9% in termini di addetti e del 49,2% del fatturato. Bene anche quelle attive nella fabbricazione di prodotti chimici – con un +11,2% di addetti e un +1,7% di fatturato – e nella fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici – dove si è invece registrato un +4,6% degli addetti e un +11,6% del fatturato-.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia