Quanto spendono gli e-shopper italiani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto spendono gli e-shopper italiani

e-commerceTra i tanti dati dell’indagine Confcommercio – Format Ricerche sui consumi natalizi degli italiani, uno è particolarmente interessante. Quello che certifica la crescita dei consumatori che si serviranno di canali di vendita non tradizionali per effettuare i regali di Natale.
Secondo l’indagine, quest’anno il 39,6% dei consumatori acquisterà i regali natalizi su Internet: una percentuale in forte aumento rispetto al passato. “Nel 2009 – osserva Confcommercio in una nota – gli italiani che compravano sul web i regali di Natale erano soltanto il 3,8%”.
Gli acquisti on-line (per inciso: secondo l’Eurostat, nel 2014 i viaggi, l’abbigliamento e gli articoli sportivi sono stati gli acquisti “più popolari” tra gli e-shopper italiani) non sono circoscritti soltanto al periodo natalizio e vengono effettuati da un numero crescente di consumatori.
Come rilevato da una recente indagine condotta da Confesercenti, SWG e Politecnico di Milano, in Italia l’e-commerce è cresciuto molto negli ultimi mesi: nel 2015 gli italiani, che hanno fatto almeno un acquisto on-line, sono stati 17 milioni (ben l’11% in più rispetto all’anno precedente).
Tuttavia, seppure numericamente in crescita, gli e-shopper italiani tendono a spendere meno rispetto ai consumatori di altri Paesi. Stando ad una ricerca dell’OFCOM – l’Autorità inglese per le telecomunicazioni – che ha passato in rassegna i quattordici Paesi più industrializzati del mondo, la spesa media pro-capite degli italiani su Internet è ancora bassa (nel 2014 è stata pari a 242 euro) soprattutto nel confronto con quanto hanno speso mediamente gli e-shopper britannici (2.195 euro), statunitensi (1.266), svedesi (1.029) e francesi (985 euro).

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia