Stabile il tasso dei posti vacanti nell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Stabile il tasso dei posti vacanti nell’Ue

disoccupazione_giovanileL’Eurostat ha diffuso le statistiche relative al tasso dei posti vacanti nell’Unione europea nel terzo trimestre. Del resto nonostante gli alti tassi di disoccupazione, che caratterizzano l’economie europee – in Italia si è attestato all’11,5% ad ottobre –, esiste una quota dei posti di lavoro per i quali le imprese faticano a trovare il candidato ideale.
Secondo l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, il tasso dei posti di lavoro disponibili nel terzo trimestre nell’Ue a 28 era dell’1,7%, stabile rispetto al secondo trimestre.
Naturalmente i posti di lavoro vacanti – ovvero i posti di lavoro retribuiti ancora vuoto, che stanno per rimanere tali o di nuova creazione, per i quali il datore di lavoro sta cercando dei candidati – sono distribuiti in modo disomogeneo all’interno dell’Ue. Il Belgio (2,7%), la Germania (2,6%) e la Gran Bretagna (2,6%) sono i Paesi caratterizzati dai tassi più elevati, ad esempio.
In Italia, invece, nel terzo trimestre i posti vacanti offerti erano pari allo 0,6% del totale, una percentuale in calo rispetto al trimestre precedente (-0,1%) e prossima al valore più basso dell’intera Unione europea: lo 0,4% registrato in Lettonia.
Le statistiche relative al nostro Paese non offrono un quadro completo, però. I dati relativi ad una manciata di Paesi (Italia, Francia, Danimarca e Malta) non tengono conto dei posti vacanti in alcuni settori della pubblica amministrazione (scuola e sanità) e non considerano le micro-imprese, definite tali perché impiegano 10 o meno addetti e che nel nostro Paese rappresentano la stragrande maggioranza delle imprese attive nell’industria e nei servizi di mercato: secondo l’ISTAT, in Italia il 95,1% delle imprese è “micro” e impiega il 47,2% degli addetti totali.
A volte le imprese faticano a trovare il candidato ideale. Spesso i datori di lavoro cercano personale con precedenti esperienze lavorative e con competenze specifiche, acquisibili soltanto attraverso il potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro. La seconda ragione è collegata invece ad un’offerta carente di alcuni titoli di studio. In Italia, stando ad un’indagine del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere, gli imprenditori denunciano una carenza di ingegneri, statistici e laureati in materie scientifiche.

 

Scrivi una replica

News

Alitalia, Gubitosi: “La compagnia ha tanti soldi in cassa”

Alitalia “ha tanti soldi in cassa”. Lo ha detto il commissario straordinario della compagnia, Luigi Gubitosi, replicando alle domande dei parlamentari nel corso di un’audizione…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Ue: “Non annacquare le sue disposizioni principali”

“Riconosciamo che l’Italia ha fatto molti sforzi di recente per la competitività e la crescita”, ma “è cruciale” che adotti la manovra 2108 “senza annacquare…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, bocciati tutti i ricorsi presentati dalla Regione Veneto

Tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini non sono fondate. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale. I giudici hanno spiegato…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ratko Mladic condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità

Ratko Mladic – ex comandante dell’esercito serbo bosniaco – è stato condannato all’ergastolo dal Tribunale penale internazionale dell’Aja. È stato riconosciuto colpevole di genocidio e…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia