Il contributo degli stranieri alla crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contributo degli stranieri alla crescita

lavoratori_stranieriLa percezione di occupare ruoli e mansioni al di sotto delle proprie competenze, il timore di non riuscire a mantenere l’impiego: le preoccupazioni degli stranieri rispetto al mercato del lavoro sembrano essere le stesse dei colleghi italiani. Anzi, in alcuni casi sono più evidenti a causa di problemi legati talvolta alle difficoltà linguistiche e agli effetti della crisi economica.
Pochi dati, tra quelli diffusi dall’Istat, rendono bene l’idea: dal 2008 al 2014 il tasso di occupazione degli stranieri ha registrato una contrazione di 6,3 punti, molto più accentuata rispetto a quella dei naturalizzati e degli italiani dalla nascita (rispettivamente -3 e -3,3%). Il tasso di disoccupazione degli stranieri, poi, è quasi raddoppiato rispetto a sei anni prima (+7,1 punti rispetto a +5,2 per gli italiani dalla nascita).
Ad ogni modo l’Istat informa anche che nonostante la continua contrazione, il tasso di occupazione degli stranieri (59,3%) resta comunque più alto sia di quello dei naturalizzati (50,3%) sia degli italiani dalla nascita (55,4%). “La maggiore quota di occupati tra gli stranieri – spiega l’istituto di statistica – dipende in misura rilevante dalla struttura della popolazione per età, concentrata nelle classi di età giovanili e centrali: oltre il 70% della popolazione straniera ha meno di 45 anni (46,2% gli italiani dalla nascita e 53% i naturalizzati)”.
Gli stranieri sono prevalentemente occupati nei servizi alle famiglie e nelle costruzioni e di solito svolgono professioni non qualificate (nel 36,2% dei casi). Tra i lavoratori naturalizzati (i naturalizzati italiani, nell’insieme, rappresentano l’1,3% della popolazione residente di 15-74 anni, gli stranieri l’8,6%) è più marcata la quota nelle professioni qualificate rispetto a quella degli stranieri, comunque inferiore a sua volta a quella degli italiani.
Non va trascurato un aspetto fondamentale, tuttavia: quanto producono gli stranieri che lavorano in Italia? Stando al recente rapporto della Fondazione Di Vittorio – Fillea Cgil, gli stranieri che lavorano in Italia producono 123 miliardi di Prodotto interno lordo, pari al 9% della ricchezza italiana complessiva. La loro presenza è poi strategica in quei settori in cui è strutturale e storica come nelle costruzioni, appunto.
Né va trascurato il contributo, importante, che giunge dall’imprenditoria straniera. Secondo le elaborazioni di Unioncamere-InfoCamere negli ultimi tre anni le aziende guidate da immigrati sono aumentate del 19% e se consideriamo il periodo luglio-settembre di quest’anno sono avanzate ad un ritmo più elevato (quattro volte superiore al resto del tessuto produttivo), contribuendo al 40% della crescita realizzata dall’intero sistema.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia