Cresce l’occupazione nelle piccole imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce l’occupazione nelle piccole imprese

lavoro_impreseNonostante le difficoltà, ancora evidenti in molti casi, l’occupazione nelle micro, piccole e medie imprese continua a crescere. In Italia (ma anche in Europa) il contributo delle microimprese in particolare è notevole e il nostro paese si colloca ai primi posti per la proporzione di occupati che tale tipologia riesce a generare.
Secondo i dati dell’Osservatorio Mercato del Lavoro, curato dal Centro Studi della Cna, tra gennaio e novembre l’incremento di occupazione è stato del 3,3% mentre tra ottobre e novembre è stato dello 0,3%. Si tratta, in soldoni, del terzo aumento congiunturale consecutivo per cui le micro e piccole imprese (Mpi) chiudono il trimestre autunnale (settembre-novembre) con un risultato positivo (+0,9%) quando nello stesso periodo del 2014 la flessione era stata dello 0,4%. Dall’inizio del 2015 l’occupazione ha segnato una variazione cumulata quasi tre volte superiore a quella messa a segno nel periodo gennaio-novembre 2014 (+1,2%).
Quello osservato negli ultimi mesi è piuttosto un recupero, considerati i posti di lavoro persi nella fase più acuta della crisi economica. La disoccupazione è infatti raddoppiata in questi anni passando dal 6,1% a circa il 12%. Un importante contributo, però, è giunto dalle imprese “high growth” e “gazzelle”, per quanto non sempre sufficiente a colmare i ritardi accumulati.
Della prima categoria fanno parte quelle imprese che hanno evidenziato una crescita media annua di dipendenti superiore al 20% per tre anni consecutivi, mentre le gazzelle sono le imprese high growth giovani, che hanno quattro o cinque anni di vita.
Già l’anno scorso il Cerved aveva osservato il tasso di crescita (fatturato e/o occupazione) nel periodo 2007-2012 di imprese di questo tipo che hanno raddoppiato il fatturato (circa il 3,4% di quelle monitorate, 3.472 unità), in contrasto perciò con il boom di fallimenti registrato proprio in quegli anni.
L’Istat, nel recente report sull’imprenditorialità in Italia, spiega che in generale l’aumento in termini occupazionali delle imprese high growth e delle imprese gazzelle nel periodo considerato (2011-2014) non riesce a compensare la perdita occupazionale delle imprese non high growth.
A livello settoriale è stato tanto più evidente nelle attività estrattive, in quelle manifatturiere, nei trasporti e magazzinaggio e nelle costruzioni. È in quest’ultimo, tra i settori più colpiti dalla crisi, che non a caso si registra la maggiore perdita occupazionale delle imprese non high growth (-90,0%) compensata solo in parte dalla crescita delle high growth (8,7%) e delle gazelle (1,3%).
Il percorso inverso è stato osservato in settori quali fornitura di energia elettrica, gas e acqua, commercio, alloggio e ristorazione, servizi di informazione e comunicazione, noleggio e agenzie di viaggio. In questo segmento la crescita occupazionale delle high growth e delle imprese gazzelle è riuscito a compensare la perdita avvenuta nelle altre tipologie di imprese.

 

Scrivi una replica

News

Alitalia, Gubitosi: “La compagnia ha tanti soldi in cassa”

Alitalia “ha tanti soldi in cassa”. Lo ha detto il commissario straordinario della compagnia, Luigi Gubitosi, replicando alle domande dei parlamentari nel corso di un’audizione…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Ue: “Non annacquare le sue disposizioni principali”

“Riconosciamo che l’Italia ha fatto molti sforzi di recente per la competitività e la crescita”, ma “è cruciale” che adotti la manovra 2108 “senza annacquare…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, bocciati tutti i ricorsi presentati dalla Regione Veneto

Tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini non sono fondate. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale. I giudici hanno spiegato…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ratko Mladic condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità

Ratko Mladic – ex comandante dell’esercito serbo bosniaco – è stato condannato all’ergastolo dal Tribunale penale internazionale dell’Aja. È stato riconosciuto colpevole di genocidio e…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia