La spesa degli italiani per i carburanti | T-Mag | il magazine di Tecnè

La spesa degli italiani per i carburanti

di Mirko Spadoni

costo_benzina_pressione_fiscaleComplici diversi fattori – nel 2015 il costo del petrolio è sceso notevolmente –, lo scorso anno il prezzo finale dei carburanti è diminuito, consentendo agli italiani di risparmiare oltre sette miliardi di euro. Tuttavia l’incidenza delle imposte è rimasta elevata, contribuendo ad attenuare il calo del costo di benzina e gasolio.
Secondo un’analisi del Centro Studi Promotor elaborata sulla base dei dati del ministero dello Sviluppo economico, nonostante l’aumento dei consumi – lo scorso anno sono stati acquistati 38,5 miliardi di litri di benzina e gasolio: lo 0,9% in più su base annua –, gli italiani hanno speso 7,1 miliardi in meno rispetto all’anno precedente, quando la spesa complessiva raggiunse i 62,6 miliardi.
Il calo della spesa degli italiani è dovuto principalmente alla contrazione dei prezzi di gasolio e benzina alla pompa, osserva il Centro Studi Promotor. Secondo cui la diminuzione della spesa ha avuto ripercussioni inevitabili tanto sulla componente industriale quanto – seppure in misura minore, a conti fatti – su quella fiscale. Vediamo di quanto.
Nel 2015, la componente industriale (ovvero la quota del prezzo destinata all’industria petrolifera e alla distribuzione) è diminuita di 5,9 miliardi di euro, in quanto i ricavi sono stati pari a 20,5 miliardi di euro contro i 26,5 del 2014. Mentre il calo della componente fiscale è stato decisamente più contenuto: il gettito fiscale è passato dai 36,1 miliardi del 2014 ai 35 del 2015 (-1,1 miliardi di euro su base annua).
Del resto la contrazione dei prezzi di gasolio e benzina alla pompa non è riconducibile ad un calo delle accise e dell’IVA, la cui incidenza sul costo finale dei carburanti rimane elevatissima e contribuisce ad attenuare, come osservato da Confartigianato, “la ricaduta del ribasso del prezzo del petrolio sui prezzi dei carburanti”.
Secondo un’analisi di Confartigianato, in Italia il costo del gasolio a livello industriale (accisa ed IVA esclusa) è tra i meno cari nella zona euro: il gasolio costa di meno solo in Estonia, Paesi Bassi, Germania, Francia e Slovenia. Una volta incluse le imposte, il discorso prende una piega decisamente diversa: rappresentando oltre i due terzi del costo alla pompa, le accise e l’IVA incidono al punto tale da rendere il prezzo del gasolio applicato in Italia il più caro nell’eurozona.
Le cose non vanno tanto diversamente: come osservato qualche giorno fa dal Corriere della Sera, il peso del prelievo fiscale sfiora un euro su un costo medio alla pompa di 1.421 euro. Il prezzo più alto nell’Unione europea, ad eccezione di quello applicato nei Paesi Bassi.

 

Scrivi una replica

News

Amministrative, Berlusconi: «Quello che vince è un centrodestra plurale»

«Quello che vince è un centrodestra plurale, nel quale nessuna forza politica è autosufficiente». Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, commentando…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Pil al Nord in crescita dell’1,8%. Al sud dell’1,4%»

«Le stime preliminari indicano che nel 2017 il Prodotto interno lordo, a valori concatenati, ha registrato una crescita superiore alla media nazionale nel Nord-ovest e…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, scontri in villaggi: 86 le vittime

Gli scontri avvenuti in vari villaggi della Nigeria, tra agricoltori e pastori, ha provocato la morte di 86 persone. Il presidente Muhammadu Buhari ha lanciato…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Ifo in calo a 101,8 punti a giugno

Cala la fiducia delle imprese tedesche nel mese di giugno. Infatti, il dato è sceso a 101,8 punti dai 102,3 di maggio. Si tratta del…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia