In crescita i consumi alimentari “low cost” | T-Mag | il magazine di Tecnè

In crescita i consumi alimentari “low cost”

spesa_inflazioneRecentemente i consumi hanno lanciato qualche segnale di ripresa – secondo l’ISTAT, nei primi undici mesi del 2015 il valore complessivo delle vendite di prodotti alimentari è cresciuto dell’1,3% su base annua –, ma contemporaneamente la quota delle famiglie, che decide di rivolgersi ai discount che offrono prodotti economici e spesso in offerta, rimane decisamente elevata.
L’ultimo rapporto del Centro Studi di Unimpresa, condotto su campione composto da 18 mila esercizi commerciali associati, ne è una prova evidente. Secondo lo studio, nel 2015 oltre sei famiglie su dieci hanno “provato almeno una volta i discount”, alla ricerca di prodotti economicamente convenienti. Gli acquisti “low cost” sono cresciuti così del 53% in termini di volumi rispetto al 2014.
Tuttavia la cosa non deve lasciare sorpresi. Diverse ricerche hanno certificato che le scelte dei consumatori italiani sono influenzate in larga parte dall’aspetto economico: stando al Rapporto Italia 2016 dell’Eurispes, ad esempio, nel 2015 il 68% degli italiani ha dichiarato di cambiare marca di un prodotto alimentare se più conveniente. Si tratta di una percentuale che, seppure in calo del 13,7% rispetto all’anno precedente, rimane comunque elevata.
Secondo il Centro Studi di Unimpresa, l’acquisto di prodotti scontati (specie di quelli con ribassi dei prezzi superiori anche oltre il 30% rispetto al listino ufficiale) ha “conseguenze inevitabili” sui ricavi degli esercenti: stando alle prime stime, l’impatto sui conti potrebbe avere un’incidenza negativa del 65-70%.
Lo scorso ottobre, analizzando i dati ISTAT, la Coldiretti osservava che i discount alimentari erano la componente più dinamica dell’intera distribuzione commerciale – alimentare e non –, sottolineando che l’aumento di spesa alimentare è il segno più tangibile della ripresa, poiché è la seconda voce del budget familiare dopo l’abitazione ed è destinata ad avere un effetto traino sull’intera economia.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Macron: “Il passaggio alla fase 2 del negoziato è nelle mani della May”

“Il passaggio alla fase 2 del negoziato sulla Brexit è nella mani di Theresa May. Sul fronte finanziario non siamo neanche a metà del cammino…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Raqqa dichirata ufficialmente libera dalle forze filo-Usa

Le forze filo-Usa hanno dichiarato Raqqa ufficialmente libera. La città era “capitale” dello Stato islamico ed è stato ufficialmente dichiarato libera da ogni presenza di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Catalogna, accordo Pp-Pse per elezioni a gennaio in caso di commisariamento con art. 155

Se la regione ribelle sarà commissariata con l’art. 155 della costituzione, il premier spagnolo Mariano Rajpy e il leader Psoe Pedro Sanchez hanno deciso di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Possibili misure su web tax in manovra”

“Nella cena di ieri i leader Ue hanno discusso a lungo di web tax, ma voglio sia chiaro che i tempi Ue, così come quelli…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia