Il mercato del lavoro per fasce d’età | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il mercato del lavoro per fasce d’età

disoccupazione_giovanile_lavoroLa disoccupazione è tornata lievemente a salire a dicembre 2015 (+0,1%, attestandosi ora all’11,4%), ma il numero dei disoccupati risulta in calo di 254 mila unità in un anno (-8,1%) e quello degli occupati in aumento di 109 mila unità (+0,5%). Il tasso di occupazione resta stabile (al 56,4%), mentre la disoccupazione giovanile, quella che comprende cioè la fascia di età 15-24 anni, è scesa al 37,9%, il tasso più basso degli ultimi tre anni.
Tuttavia, per i giovani in generale, il mercato del lavoro continua a mostrare luci ed ombre. Il tasso di disoccupazione resta comunque tra i più alti in Europa, mentre appaiono ancora in sofferenza alcune fasce di età nonostante la classe 25-34 anni – informa l’Istat – evidenzi nell’ultimo mese una crescita contestuale del tasso di occupazione (+0,3%) e del tasso di disoccupazione (+0,1%), mentre scende il tasso di inattività (-0,4%).
Più preoccupanti sono i dati ad un anno, però: nella stessa fascia di età, che dovrebbe invece contribuire positivamente alla crescita del mercato del lavoro, gli occupati sono 40 mila in meno. Gli inattivi – le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle che gli istituti non classificano come occupate o in cerca di occupazione – hanno registrato un aumento di 89 mila unità (spiegando in parte la diminuzione dei disoccupati, che sono -80 mila).
Sembra quest’ultimo, dunque, un problema consolidato: basti ricordare che nel 2014 l’Italia presentava il tasso di occupazione più basso tra i giovani laureati nella fascia di età 25-34 anni, pari al 62%, ovvero il 20% in meno rispetto alla media Ocse su 34 paesi.
La popolazione tra i 34 e i 49 anni, come ricorda l’Eurispes nel Rapporto Italia 2016, ha visto diminuire l’occupazione nell’ultimo triennio del 4,4%. Ora il numero di disoccupati in meno – variazione tendenziale – è di 81 mila unità, con una variazione negativa dello 0,8%. Ma diminuiscono anche i disoccupati (-159) e gli inattivi (-18).
Il dato in controtendenza riguarda gli occupati tra i 50 e i 64 anni, che in un anno sono aumentati di 189 mila unità (variazione positiva del 2,6%). Gli occupati over 50, in effetti, negli ultimi due anni sono aumentati (+13,9%, si osserva nel Rapporto Eurispes) soprattutto a fronte delle riforme in materia previdenziale, che hanno innalzato i requisiti per accedere alla pensione.

 

Scrivi una replica

News

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 137 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 137 punti.…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: “Non ho mai detto di voler dare armi agli insegnanti”

“Non ho mai detto ‘diamo armi agli insegnanti’. Quello che ho detto è guardare alla possibilità di dare armi a insegnanti esperti di armi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Nel 2017 488mila posti di lavoro, solo il 23% a tempo indeterminato”

“Alla fine del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra i flussi di assunzioni e cessazioni registrati nel corso dell’anno pari a +488.000,…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giustizia, via libera alla riforma delle carceri

Il governo ha dato il via libera a tre decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. “E’ un lavoro in progress, lavoriamo con strumenti diversi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia