Il mercato del lavoro per fasce d’età | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il mercato del lavoro per fasce d’età

disoccupazione_giovanile_lavoroLa disoccupazione è tornata lievemente a salire a dicembre 2015 (+0,1%, attestandosi ora all’11,4%), ma il numero dei disoccupati risulta in calo di 254 mila unità in un anno (-8,1%) e quello degli occupati in aumento di 109 mila unità (+0,5%). Il tasso di occupazione resta stabile (al 56,4%), mentre la disoccupazione giovanile, quella che comprende cioè la fascia di età 15-24 anni, è scesa al 37,9%, il tasso più basso degli ultimi tre anni.
Tuttavia, per i giovani in generale, il mercato del lavoro continua a mostrare luci ed ombre. Il tasso di disoccupazione resta comunque tra i più alti in Europa, mentre appaiono ancora in sofferenza alcune fasce di età nonostante la classe 25-34 anni – informa l’Istat – evidenzi nell’ultimo mese una crescita contestuale del tasso di occupazione (+0,3%) e del tasso di disoccupazione (+0,1%), mentre scende il tasso di inattività (-0,4%).
Più preoccupanti sono i dati ad un anno, però: nella stessa fascia di età, che dovrebbe invece contribuire positivamente alla crescita del mercato del lavoro, gli occupati sono 40 mila in meno. Gli inattivi – le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle che gli istituti non classificano come occupate o in cerca di occupazione – hanno registrato un aumento di 89 mila unità (spiegando in parte la diminuzione dei disoccupati, che sono -80 mila).
Sembra quest’ultimo, dunque, un problema consolidato: basti ricordare che nel 2014 l’Italia presentava il tasso di occupazione più basso tra i giovani laureati nella fascia di età 25-34 anni, pari al 62%, ovvero il 20% in meno rispetto alla media Ocse su 34 paesi.
La popolazione tra i 34 e i 49 anni, come ricorda l’Eurispes nel Rapporto Italia 2016, ha visto diminuire l’occupazione nell’ultimo triennio del 4,4%. Ora il numero di disoccupati in meno – variazione tendenziale – è di 81 mila unità, con una variazione negativa dello 0,8%. Ma diminuiscono anche i disoccupati (-159) e gli inattivi (-18).
Il dato in controtendenza riguarda gli occupati tra i 50 e i 64 anni, che in un anno sono aumentati di 189 mila unità (variazione positiva del 2,6%). Gli occupati over 50, in effetti, negli ultimi due anni sono aumentati (+13,9%, si osserva nel Rapporto Eurispes) soprattutto a fronte delle riforme in materia previdenziale, che hanno innalzato i requisiti per accedere alla pensione.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia