La ripresa fragile dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

La ripresa fragile dell’Eurozona

crisi-economica3Il mercato del lavoro dell’Eurozona mostra segnali incoraggianti. Il tasso di disoccupazione si è attestato a dicembre 2015 al 10,4%, cioè un decimale in meno rispetto a novembre. E intanto la domanda interna continua a sostenere la ripresa. Eppure quest’ultima appare incerta, al punto che la Bce si dice pronta a intervenire a breve.
La conferma è giunta di recente direttamente dal presidente dell’istituto di Francoforte, Mario Draghi, il quale non ha escluso nuove misure di politica monetaria al fine di allontanare il rischio deflazione. La Bce, insomma, ritiene che gli attuali margini di crescita siano fragili e, soprattutto, messi a dura prova da alcune variabili quali il sistema finanziario, le tensioni geopolitiche e le politiche economiche e fiscali degli Stati membri.
Tale scenario, dunque, preoccupa nonostante gli spiragli positivi. Ad esempio i consumi continuano a migliorare, tanto nell’Eurozona quanto nell’Ue a 28: il volume del commercio al dettaglio, secondo l’Eurostat, è cresciuto nel primo caso dello 0,3% (su base annua l’aumento è stato dell’1,4%) e nel secondo dello 0,1% (+2% sull’anno).
Per quanto riguarda il mercato del lavoro, i disoccupati nell’area della moneta unica risultano essere nel mese di dicembre 16,75 milioni quando nello stesso periodo del 2014 erano 18,25 milioni, con il tasso di disoccupazione all’11,4%. E anche la disoccupazione giovanile è in calo nell’Eurozona, ora al 22% (22,1% a novembre), vale a dire un punto in meno rispetto ad un anno fa (23%).
Tuttavia la Commissione europea ha rivisto al ribasso le stime del Pil dell’Eurozona per il 2016, all’1,7% rispetto all’1,8% previsto a novembre. Le misure fin qui adottate dalla Bce – il quantitative easing (allentamento quantitativo) – hanno arginato il pericolo deflazione (la diminuzione generale dei prezzi) e stimolato l’economia, ma non sembrano essersi ancora tradotte in una crescita stabile e duratura (a esclusione, ovviamente, delle singole variazioni congiunturali). Per questo si proseguirà sul percorso già avviato: è la Bce a definire la politica economica e monetaria dell’Eurozona e suo principale obiettivo è mantenere la stabilità dei prezzi (al 2%), favorendo crescita e occupazione.
A gennaio l’inflazione ha fatto segnare un balzo in avanti (+0,4%), ma le attese non sono delle più rosee e gli analisti non escludono un ritorno nei prossimi mesi su valori negativi. Intanto, secondo i dati Eurostat, i prezzi alla produzione dell’industria nella zona euro hanno registrato a dicembre 2015 una contrazione dello 0,8% rispetto al mese precedente (la flessione è del 3% su base annuale). Pesano, anche in questo caso, le dinamiche relative al settore energetico a causa del crollo del prezzo del petrolio.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia