Il peso del fisco sulle imprese italiane | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il peso del fisco sulle imprese italiane

tasse_corte_contiNel 2016 il Prodotto interno lordo dell’Italia dovrebbe crescere – le stime della Commissione europea prevedono un aumento dell’1,4% su base annua –, ma l’incremento potrebbe essere ancora più consistente.
Per Confcommercio, nel 2016 la crescita del PIL italiano potrebbe anche arrivare a toccare quasi il 2%, a patto naturalmente che il governo riduca in modo più incisivo le tasse su imprese e famiglie e che la legge di Stabilità esprima a pieno tutti i suoi effetti espansivi.
D’altronde che un’elevata pressione fiscale costituisca un freno alla crescita non è propriamente una novità. Nei mesi scorsi lo aveva sottolineato anche la Banca d’Italia in suo bollettino economico, invitando l’esecutivo ad adottare interventi più efficaci al fine di stimolare la crescita economica del Paese, come la riduzione del carico fiscale sulle imprese.
Perché, per quanto in calo – il ministero dello Sviluppo economico ha osservato che il peso complessivo del fisco per le imprese è passato dal 76,8% del 2004 al 64,8% del 2014 –, il total tax rate (ovvero il complesso di tasse e costo del lavoro) con cui fanno i conti le aziende attive in Italia rimane tra i più alti nell’Unione europea.
Il rapporto Paying taxes 2016 della Banca Mondiale e di PWC, riferito al 2014, sostiene che nel nostro Paese il total tax rate pesa per il 64,8% dei profitti delle imprese, contro una media europea del 40,6%. Alla voce “contributi”, lo studio considera anche il Tfr – ovvero il Trattamento di fine rapporto, chiamato anche liquidazione o buonuscita – che vale “7 punti”. Mentre non tiene conto di alcune riforme introdotte negli ultimi mesi dal governo, come gli sgravi sui contributi per i neoassunti a tempo indeterminato, che potrebbero contribuire a ridurre l’incidenza del costo del lavoro sul carico fiscale complessivo, attualmente pari al 43,4%.
I numerosi adempimenti fiscali – in Italia, le aziende devono effettuare 14 pagamenti ogni anno contro gli 11,5 della media UE – non si riducono solo ad una questione prettamente economica, ma richiedono anche molto tempo: nel nostro Paese, le imprese impiegano di media 269 ore l’anno contro le 261 della media mondiale e le 173 ore di quella europea.
Ma Confcommercio ha invitato il governo a ridurre il peso del fisco anche nei confronti delle famiglie: secondo la CGIA di Mestre, un’eventuale livellamento della pressione fiscale italiana alla media europea consentirebbe ai contribuenti italiani di risparmiare 904 euro all’anno.

 

Scrivi una replica

News

Trump: “Non ho mai detto di voler dare armi agli insegnanti”

“Non ho mai detto ‘diamo armi agli insegnanti’. Quello che ho detto è guardare alla possibilità di dare armi a insegnanti esperti di armi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Nel 2017 488mila posti di lavoro, solo il 23% a tempo indeterminato”

“Alla fine del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra i flussi di assunzioni e cessazioni registrati nel corso dell’anno pari a +488.000,…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giustizia, via libera alla riforma delle carceri

Il governo ha dato il via libera a tre decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. “E’ un lavoro in progress, lavoriamo con strumenti diversi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, dal 2008 meno negozi più bar-ristoranti e hotel

Attualmente rispetto al 2008, in Italia, ci sono circa 62mila negozi in meno (-10,9%), 39mila bar-ristoranti-hotel in più e una grande crescita delle imprese commerciali…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia