Produzione industriale su, ma il recupero è lento | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produzione industriale su, ma il recupero è lento

produzione_industrialeSeppure con qualche ombra, l’Italia riparte. La conferma arriva dagli ultimi dati Istat sulla produzione industriale che hanno indicato, nella media 2015, un rialzo dell’1% rispetto al periodo precedente. Un risultato certamente non trascurabile, ripensando al crollo registrato negli anni della crisi.
La produzione industriale è fondamentale per “misurare” lo stato di salute di un’economia: da dati Eurostat rielaborati dall’Adnkronos era emerso come l’indicatore in Italia, nell’arco di quattro anni (dal 2010 al 2014), fosse in diminuzione di 8,7 punti percentuali, agli ultimi posti nell’Eurogruppo (15) e nell’Ue a 28 (25).
Il recupero avviato nel 2015 deriva dal miglioramento di diversi settori, in particolare quello dei mezzi di trasporto con un progresso del 16,8%. Ma, a conti fatti, la perdita rispetto al periodo pre-crisi è ancora consistente. In più, nel mese di dicembre 2015, la produzione industriale ha evidenziato un calo dello 0,7% rispetto a novembre e dell’1% sull’anno. Nel quarto trimestre la flessione sul periodo precedente è stata dello 0,1%.
Nel confronto con le principali economie dell’Eurozona, il risultato (negativo) che emerge di più è quello della Francia la cui produzione industriale nel mese di dicembre ha registrato una flessione dell’1,6% rispetto a novembre, molto al di sotto delle previsioni che attestavano l’indicatore in territorio positivo.
Analogamente, in Germania, nell’ultimo mese del 2015, la produzione è bruscamente scesa dell’1,2%, il risultato peggiore dall’agosto 2014. E anche l’export è risultato in calo a dicembre, segno delle difficoltà sul mercato estero a causa del rallentamento delle economie emergenti. Ritardo, tuttavia, compensato dalla crescita della domanda interna.
A questo punto, però, è opportuno ricordare a tale proposito i dati Eurostat presentati dal Ministero dello Sviluppo economico ad inizio anno: il livello della produzione industriale italiana è di oltre il 31% inferiore rispetto ai massimi pre-crisi e ha recuperato appena il 3% sui minimi raggiunti in piena fase recessiva. In questo senso la Francia, che ha recuperato l’8%, fa meglio di noi. La Germania ha recuperato il 27,8% e performance migliori delle nostre hanno interessato anche la Gran Bretagna (il recupero è del 5,4%) e la Spagna (7,5%).

 

Scrivi una replica

News

Corea del Nord minaccia l’Onu: “Guerra nucleare potrebbe scoppiare in qualsiasi momento”

“Una guerra nucleare potrebbe scoppiare in qualsiasi momento”. È la minaccia lanciata dal vice ambasciatore della Corea del Nord all’Onu. “Finchè nessuno partecipa alle azioni…

17 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, nel secondo trimestre tasso occupazione area Ocse al 67,8%

Nel secondo trimestre 2017, nell’area dei Paesi OCSE, il tasso di occupazione ha raggiunto il 67,8%, pari allo 0,2% in più rispetto al primo trimestre…

17 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rosatellum 2.0, il 24 ottobre il testo approderà in Senato

Il 24 ottobre 2017, il Senato esaminerà la riforma elettorale, il cosiddetto Rosatellum 2.0, e il voto delle questioni pregiudiziali è stato fissato alle ore…

17 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mondiale Russia 2018, la Svezia sarà l’avversaria degli azzurri ai playoff

Sarà la Svezia l’avversaria dell’Italia al playoff per il Mondiale di Russia 2018. Gli azzurri giocheranno in trasferta la gara di andata, mentre il ritorno,…

17 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia