Produzione industriale su, ma il recupero è lento | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produzione industriale su, ma il recupero è lento

produzione_industrialeSeppure con qualche ombra, l’Italia riparte. La conferma arriva dagli ultimi dati Istat sulla produzione industriale che hanno indicato, nella media 2015, un rialzo dell’1% rispetto al periodo precedente. Un risultato certamente non trascurabile, ripensando al crollo registrato negli anni della crisi.
La produzione industriale è fondamentale per “misurare” lo stato di salute di un’economia: da dati Eurostat rielaborati dall’Adnkronos era emerso come l’indicatore in Italia, nell’arco di quattro anni (dal 2010 al 2014), fosse in diminuzione di 8,7 punti percentuali, agli ultimi posti nell’Eurogruppo (15) e nell’Ue a 28 (25).
Il recupero avviato nel 2015 deriva dal miglioramento di diversi settori, in particolare quello dei mezzi di trasporto con un progresso del 16,8%. Ma, a conti fatti, la perdita rispetto al periodo pre-crisi è ancora consistente. In più, nel mese di dicembre 2015, la produzione industriale ha evidenziato un calo dello 0,7% rispetto a novembre e dell’1% sull’anno. Nel quarto trimestre la flessione sul periodo precedente è stata dello 0,1%.
Nel confronto con le principali economie dell’Eurozona, il risultato (negativo) che emerge di più è quello della Francia la cui produzione industriale nel mese di dicembre ha registrato una flessione dell’1,6% rispetto a novembre, molto al di sotto delle previsioni che attestavano l’indicatore in territorio positivo.
Analogamente, in Germania, nell’ultimo mese del 2015, la produzione è bruscamente scesa dell’1,2%, il risultato peggiore dall’agosto 2014. E anche l’export è risultato in calo a dicembre, segno delle difficoltà sul mercato estero a causa del rallentamento delle economie emergenti. Ritardo, tuttavia, compensato dalla crescita della domanda interna.
A questo punto, però, è opportuno ricordare a tale proposito i dati Eurostat presentati dal Ministero dello Sviluppo economico ad inizio anno: il livello della produzione industriale italiana è di oltre il 31% inferiore rispetto ai massimi pre-crisi e ha recuperato appena il 3% sui minimi raggiunti in piena fase recessiva. In questo senso la Francia, che ha recuperato l’8%, fa meglio di noi. La Germania ha recuperato il 27,8% e performance migliori delle nostre hanno interessato anche la Gran Bretagna (il recupero è del 5,4%) e la Spagna (7,5%).

 

Scrivi una replica

News

Tusk: “Bisogna lavorare sull’unità dell’Ue”

“Sul dossier migrazione la divisione è tra Est e Ovest, sull’Unione economica e monetaria tra Nord e Sud. Queste divisioni sono accompagnate da emozioni che…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Draghi: “Il Qe proseguirà al ritmo di 30 miliardi al mese fino a settembre 2018”

Il Quantitative easing proseguirà al ritmo ridotto di 30 miliardi di titoli di Stato acquistati al mese da gennaio a settembre 2018, o anche oltre…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

La Walt Disney Company ha acquistato la Twenty-First Century Fox di Murdoch

La Walt Disney Company ha comprato la Twenty-First Century Fox, Inc, fino ad ora di proprietà di Rupert Murdoch. Il costo complessivo dell’operazione è di…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, Putin: “Alle prossime elezioni mi candiderò da indipendente”

Alle prossime elezioni presidenziali russe, Vladimir Putin si candiderà da indipendente. Lo ha annunciato nel corso della tradizionale conferenza stampa di fine anno. “Conto di…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia