Produzione industriale su, ma il recupero è lento | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produzione industriale su, ma il recupero è lento

produzione_industrialeSeppure con qualche ombra, l’Italia riparte. La conferma arriva dagli ultimi dati Istat sulla produzione industriale che hanno indicato, nella media 2015, un rialzo dell’1% rispetto al periodo precedente. Un risultato certamente non trascurabile, ripensando al crollo registrato negli anni della crisi.
La produzione industriale è fondamentale per “misurare” lo stato di salute di un’economia: da dati Eurostat rielaborati dall’Adnkronos era emerso come l’indicatore in Italia, nell’arco di quattro anni (dal 2010 al 2014), fosse in diminuzione di 8,7 punti percentuali, agli ultimi posti nell’Eurogruppo (15) e nell’Ue a 28 (25).
Il recupero avviato nel 2015 deriva dal miglioramento di diversi settori, in particolare quello dei mezzi di trasporto con un progresso del 16,8%. Ma, a conti fatti, la perdita rispetto al periodo pre-crisi è ancora consistente. In più, nel mese di dicembre 2015, la produzione industriale ha evidenziato un calo dello 0,7% rispetto a novembre e dell’1% sull’anno. Nel quarto trimestre la flessione sul periodo precedente è stata dello 0,1%.
Nel confronto con le principali economie dell’Eurozona, il risultato (negativo) che emerge di più è quello della Francia la cui produzione industriale nel mese di dicembre ha registrato una flessione dell’1,6% rispetto a novembre, molto al di sotto delle previsioni che attestavano l’indicatore in territorio positivo.
Analogamente, in Germania, nell’ultimo mese del 2015, la produzione è bruscamente scesa dell’1,2%, il risultato peggiore dall’agosto 2014. E anche l’export è risultato in calo a dicembre, segno delle difficoltà sul mercato estero a causa del rallentamento delle economie emergenti. Ritardo, tuttavia, compensato dalla crescita della domanda interna.
A questo punto, però, è opportuno ricordare a tale proposito i dati Eurostat presentati dal Ministero dello Sviluppo economico ad inizio anno: il livello della produzione industriale italiana è di oltre il 31% inferiore rispetto ai massimi pre-crisi e ha recuperato appena il 3% sui minimi raggiunti in piena fase recessiva. In questo senso la Francia, che ha recuperato l’8%, fa meglio di noi. La Germania ha recuperato il 27,8% e performance migliori delle nostre hanno interessato anche la Gran Bretagna (il recupero è del 5,4%) e la Spagna (7,5%).

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Pil al Nord in crescita dell’1,8%. Al sud dell’1,4%»

«Le stime preliminari indicano che nel 2017 il Prodotto interno lordo, a valori concatenati, ha registrato una crescita superiore alla media nazionale nel Nord-ovest e…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, scontri in villaggi: 86 le vittime

Gli scontri avvenuti in vari villaggi della Nigeria, tra agricoltori e pastori, ha provocato la morte di 86 persone. Il presidente Muhammadu Buhari ha lanciato…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Ifo in calo a 101,8 punti a giugno

Cala la fiducia delle imprese tedesche nel mese di giugno. Infatti, il dato è sceso a 101,8 punti dai 102,3 di maggio. Si tratta del…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, ennesimo trionfo per Erdogan

Recep Tayyip Erdogan ha vinto nuovamente le elezioni in Turchia. Il presidente uscente ha ottenuto il 52,5% dei voti. «La competizione non è stata equa,…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia