Mercato europeo delle auto in crescita da 29 mesi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato europeo delle auto in crescita da 29 mesi

mercato_autoContinua a correre il mercato dell’auto europeo all’inizio del 2016, anche se ad un passo più lento rispetto alla fine dello scorso anno. Le immatricolazioni a gennaio sono infatti cresciute del 6,3% rispetto allo stesso mese del 2015, contro il +16% annuo messo a segno a dicembre. Nonostante ciò si tratta comunque del 29esimo mese consecutivo di crescita.
In valori assoluti le immatricolazioni europee sono state 1.061.150 contro le 999.195 del gennaio dello scorso anno. Guardando ai singoli Paesi si nota come il risultato migliore sia stato messo a segno dall’Islanda con un +79,8%, a cui seguono l’Irlanda, con un +33,6%; Cipro, +25,9%; la Slovacchia, +19,7%; e il Portogallo, +17,7%.
Al sesto posto troviamo poi l’Italia, appunto con un +17,4%, mentre registrano una crescita più lieve le immatricolazioni di Francia (con appena un +3,9%), Germania (+3,3%) e Regno Unito (+2,9%). IN calo invece le immatricolazioni di Grecia (-2,5%), Croazia (-4,7%), Lettonia (-5,1%), Belgio (-6,3%) e Olanda (-14,4%).
Tra i principali gruppi automobilistici, Fca group (Fiat, Jeep, Lancia/Chrysler, Alfa Romeo, Dodge e Maserati) è quello che ha fatto meglio: le immatricolazioni europee sono infatti cresciute del 14,5% arrivando a toccare le 72.646 unità. Un risultato che ha consentito di portare la quota di mercato dal 6,2% dello scorso anno al 6,6%.
Il gruppo Volkswagen (Volkswagen, Audi, Skoda, Seat, Porche, Bentley, Lamborghini e Bugatti) sulla scia degli scandali legati alle emissioni, ha invece registrato una crescita di appena un punto percentuale (a 265.697 unità), mantenendosi comunque leader in Europa, ma perdendo l’1,3% della quota di mercato: dal 25,6% del gennaio 2015 al 24,3%.
Sul podio si confermano poi PSA group (Peugeot, Citroen, Ds) e il gruppo Renaul (Renault e Dacia), rispettivamente con crescite del 3,7% (a 114.352 immatricolazioni) e dell’1% (a 97.927) e quote di mercato pari al 10,5% (contro il 10,7% dello scorso anno) e al 9% (contro il 9,4%).

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia