Le micro imprese valgono più del calcio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le micro imprese valgono più del calcio

MicroimpresaLa stragrande maggioranza delle imprese attive in Italia nell’industria e nei servizi di mercato – complessivamente l’ISTAT ne conta circa 4,3 milioni – ha una dimensione molto ridotta (il 98,3% impiega fino a 19 dipendenti, dando lavoro a oltre 9,1 milioni di persone) e ciò si ripercuote inevitabilmente sulle loro performance.
Rispetto alle concorrenti europee, le imprese italiane investono poco in ricerca e sviluppo (lo 0,7% del Prodotto interno lordo contro una media UE dell’1,3%), sono caratterizzate da un sistema di governance molto semplificato – in oltre il 70% delle imprese con almeno tre addetti il controllo dell’azienda è esercitato direttamente o indirettamente da una persona fisica o da una famiglia – e la loro principale fonte di finanziamento è rappresentata dal credito bancario.
Secondo l’ISTAT, nonostante queste caratteristiche rendono sotto alcuni punti di vista il nostro sistema produttivo meno progredito rispetto a quello dei Paesi più avanzati, il tessuto imprenditoriale italiano è caratterizzato da importanti elementi di forza connessi anche ai suoi principali tratti distintivi.
Uno studio di Confartigianato sottolinea che nel 2013 il fatturato delle micro e piccole imprese manifatturiere, che impiegano fino a 20 addetti, è stato undici volte superiore al fatturato aggregato delle 729 squadre di calcio delle 54 Top Division europee – Serie A, Premier League, Liga spagnola, Bundesliga…–, ricavabili dal Report Calcio 2015 di AREL, PWC e FIGC: 166 miliardi contro 15 miliardi di euro.
Nel dettaglio le imprese, che impiegano fino a 20 addetti e realizzano Software e servizi informatici, fatturano 14.182 milioni contro i 12.628 milioni di euro dei 178 club che militano nei dieci campionati di massima serie europei più importanti.
Discorso simile per le aziende fino a 20 addetti del settore delle bevande (tra cui distillerie e birrifici artigianali) e quelle che riparano computer e beni per uso personale e per la casa: le prime fatturano più dei club della Premier League inglese (3.260 milioni contro 3.168 milioni di euro) mentre le seconde generano un fatturato superiore a quello delle società di Serie A (1.814 milioni contro 1.770 milioni di euro).

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia